“Andando avanti dovremo dedicarci a chi sarà più lento nella ripresa: penso alle agenzie di viaggio, ai piccoli negozi. Dovremo temperare i prossimi aiuti in base alla durata della crisi dei singoli settori, non lasceremo nessuno per strada”.

Così il ministro Dario Franceschini nel salotto televisivo di Porta a porta.

“I 600 euro, gli ammortizzatori sociali che nei miei settori, la cultura e il turismo, non c’erano: alcune di queste misure arrivano fino a giugno, vedremo via via come estenderle”, le parole del ministro.

“Tra i prossimi provvedimenti – ha continuato Franceschini intervenendo sulla questione burocrazia – ci sarà un decreto legge per la semplificazione delle procedure burocratiche, c’è un grave ritardo da colmare”.