Vendite leisure avanti dell’11% nel 2019 fino a 788 milioni di euro, dopo incrementi analoghi anno su annodal 2017, che nel complesso significa più 31% a pari perimetro rispetto alle vendite del 2016: “Dal 2017 al 2019 abbiamo avuto tre anni molto buoni ”, ha detto Adriano Apicella, l’ad di Welcome Travel, aprendo a Napoli la convention del network  intitolta We Paly Together – Alta Velocità, tra le scintillanti locomotive antiche custodite dal Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa della Fondazione FS Italiane, dove il gruppo ha riunito oltre un migliaio tra agenti di viaggi e fornitori. “È stata una ripresa importante – ha aggiunto – dopo le difficoltà degli anni precedenti. Ora dobbiamo lavorare perché siano ottimi anche i prossimi anni, e vogliamo crescere in qualità, non solo nei numeri”.

Tutti Costa Crociere: Riccardo Fantoni, Daniel Caprile, Andrea Prati, Carlo Schiavon, Michele Mastromei

Tra buoni e ottimi anche gli altri numeri del 2019, segmento per segmento: più 11% le vendite di villaggi, più 10 le crociere, più 3% il mare Italia anche in coincidenza con la ripresa dell’Egitto; bene anche l’aviation a quota 499 milioni di euro, anche se con un meno 1,7% nel 2019 compensato dalla crescita nel 2017 (più 8,9%) e nel 2018 (più 4,3%), con un più 12% dell’internazionale nei tre anni. Avanti anche la vendita di trasporto ferroviario, più 6,6% nei tre anni fino a 81 milioni di euro.

Il ritorno in agenzia

A favorire la ripresa, di Welcome Travel e della distribuzione in generale, c’è il netto ritorno in agenzia di moti clienti stanchi delle lunghe ricerche sul web, e forse una presa di coscienza del valore della consulenza di un professionista, che tra l’altro ora assicura garanzie e assistenza esclusivi dell’agenzia e del tour operato. Aiuta anche la stabilizzazione della rete di vendita a circa 8.400 punti vendita, contro gli oltre 13mila che erano nel 2009.
«Si diceva che dovessero diminuire ancora – ha aggiunto Apicella – e non è accaduto, ma ora il cliente interagisce con noi in modo molto diverso da prima, e anche noi dobbiamo ragionare su nostro modello di business, che deve evolvere sostanzialmente».

Convention Welcome Travel
Nicola Bonacchi, Alitalia; Aldo Sarnatano, Neos spa; Pier Ezhaya, Alpitour World

Share leisure al 35%

E se è vero che a questo punto la quota di mercato Welcome Travel sul leisure viaggia intorno al 35%, allora la ricetta di Apicella contiene indicazioni probabilmente utili a tutta la distribuzione. “Dobbiamo catturare nuove quote di clientela in quella vasta fascia dell’80% che non entra in agenzia – ha detto – giocando sui plus che il cliente trova solo da noi”.

Dunque protezione del consumatore come vogliono le nuove norme, con polizze RC, fondo di garanzia e protezione dei dati come da GDPR; una consulenza professionale attenta e accogliente: “Il 78% delle nostre agenzie era già del tutto a norma alcuni mesi fa – ha comunicato Apicella – puntiamo al 100% a breve”. E infine comunicazione semplificata e assistenza efficiente grazie ai nuovi strumenti digitali, sempre più avanzati, che la rete mette a disposizione delle sue agenzie, e che comunque tutti gli attori in filiera dovranno padroneggiare per trovare nuova clientela – si è detto in convention – che forse  faranno la differenza tra restare sul mercato e sparire. «Alcune delle nostre agenzie ci dicono che almeno il 40% dei clienti non entrano neppure, scelgono e acquistano tutto in digitale, pagamenti inclusi». (M.F.)