Lunedì 12 dicembre a Roma verrà presentato il progetto Green Weekend e illustrata l’attività svolta dall’associazione DMO omonima. L’appuntamento è alle ore 17 in Via Col di Lana, 10 presso il bar Vanni alla presenza dell’Assessore al Turismo ed Enti Locali della Regione Lazio Valentina Corrado.

“DMO Green Weekend – dichiara l’assessore Valentina Corrado – rientra nella strategia di promozione della destinazione Lazio che, come Assessorato al Turismo, abbiamo avviato. La rete creata, improntata sulla sinergia e sul dialogo tra enti pubblici e privati, contribuisce ad affermare un’offerta turistica integrata utile a valorizzare pienamente le potenzialità che la nostra regione vanta sul segmento wedding ed eventi privati, ma anche i tratti identitari del territorio della Tuscia e della Sabina, riservando attenzione alla sostenibilità vista come chiave di sviluppo sia turistica sia economica. Le linee di attività contribuiranno sia ad offrire ai viaggiatori esperienze personalizzate e uniche, sia a incidere sulla durata dei soggiorni turistici generando benefici sia nel medio che nel lungo termine”. Il cuore del progetto della DMO Green Weekend è infatti la creazione di una destinazione nuova, green e smart, con la sperimentazione di un prodotto integrato trasversale che connette i due territori della Tuscia e Sabina tra loro, e che si qualifica in particolare per la proposta di matrimoni ed eventi privati, valorizzando gli elementi di identità e di stile di vita dei territori per costruire un’esperienza turistica memorabile. “L’attività di questa DMO – spiega il Destination Manager Armando Soldaini – è orientata a raccogliere gli operatori intorno a un progetto che mette in primo piano la riscoperta e la rivalutazione di quello che i Romani chiamavano Genius loci, l’anima profonda del territorio, la più importante risorsa che permea e contamina il costume degli abitanti e dà forma al paesaggio, e che rende l’esperienza e la permanenza nel territorio della Tuscia e della Sabina irripetibile e unica”. Nel progetto non è coinvolto solo il settore turistico in senso stretto, ma tutti quei settori che afferiscono al business dei matrimoni, per creare economie circolari e locali basate su realtà e risorse territoriali specifiche. “La risposta del territorio è molto positiva – precisa Soldaini –, ad oggi hanno aderito circa cento strutture dopo solo un paio di mesi di promozione del progetto. La fase precedente di ricognizione ha consentito la raccolta di informazioni e la schedatura di oltre 1.600 strutture ed operatori che stiamo procedendo a contattare”. Sono soci effettivi della DMO Green Weekend operatori privati e professionisti esperti in ambito di promozione e sviluppo turistico territoriale ed Enti pubblici delle aree della Tuscia e Maremma Laziale e Sabina e Monti Reatini – i Comuni di Trevignano Romano, Vejano, Carbognano per la Tuscia, Vacone e l’Istituto superiore Luigi di Savoia di Rieti per la Sabina. All’evento sono invitati a partecipare gli operatori e soprattutto i Responsabili di tutte le DMO regionali, che potranno illustrare la propria esperienza e confrontarsi su possibili sinergie, funzionali ad un posizionamento importante del territorio regionale sui mercati turistici nazionali e internazionali.