Turismo e innovazione, roadshow di Revive in Sicilia

194

In Sicilia è possibile pensare e progettare un turismo che guardi ai territori, alla loro natura e alla loro vocazione. Un turismo sostenibile che dia la possibilità ad albergatori e viaggiatori di realizzare l’incontro fra domanda e offerta in strutture in cui architettura, spazi e ambiente siano armonizzati in un “unicum” assolutamente originale e innovativo. Una vacanza o anche un breve soggiorno può, infatti, essere l’occasione per vivere un’esperienza originale, “unica” appunto, ma perché ciò sia possibile è necessario progettare spazi che interpretino una visione organica, grazie alla quale la vacanza divenga un tassello di un grande progetto di sviluppo sociale e culturale.

Un orizzonte ampio, dunque, nel quale la Sicilia possa essere essa stessa Terra di avanguardia euro-mediterranea. Per pensare e progettare in grande, Revive ha aperto un dialogo in primis proprio con gli albergatori, con quegli operatori che vivono quotidianamente la realtà del turismo e le difficoltà ad esso connesse.

Questo, lo spirito del Roadshow che Revive, start up innovativa siciliana nel campo dei servizi avanzati di progettazione sostenibile nei settori dell’architettura, dell’ingegneria e delle costruzioni (AEC), si appresta a tenere in giro per la Sicilia: un vero e proprio viaggio on the road, insieme a Federalberghi nei territori dell’Isola, nel cuore, cioè, di luoghi naturalmente vocati ad accogliere chi desidera scoprirne il cuore e l’essenza.

Quattro le tappe del viaggio alla scoperta del Progetto Revive, in altrettanti territori siciliani, Catania, Taormina, Agrigento, Trapani: un “convegno itinerante”, che coinvolgerà sul territorio siciliano quattro sedi rappresentative dell’Associazione Federalberghi Sicilia, quattro tappe fondamentali, nel corso delle quali Revive presenterà il suo modello di innovazione e il Progetto-Pilota Valderice finalizzato allo sviluppo e diffusione in Sicilia di un nuovo sistema di ospitalità sostenibile per il Mediterraneo.

Revive è nata dall’idea di Daniela Guarneri, siciliana, dottore di ricerca e professore a contratto di Economia ed Estimo civile all’Università di Palermo, condivisa da un team multidisciplinare di numerosi professionisti.

Revive è rivolto al settore del turismo sostenibile di lusso, per offrire nuove soluzioni per l’economia del territorio destinate a un’ospitalità di qualità, muovendo dalla volontà di diffondere innovazione per le nuove costruzioni e per gli interventi di recupero e riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare esistente: innovazioni che fanno del Progetto-Pilota Valderice il primo prototipo di sperimentazione e applicazione concreta di questo nuovo modello di ospitalità.

“Il roadshow che terremo in giro per la Sicilia sarà l’occasione per lanciare Revive su base regionale – sottolinea Daniela Guarneri – e la collaborazione con Federalberghi è una conferma del nostro progetto che si rivolge in via privilegiata al sistema dell’edilizia più direttamente collegato alle strutture ricettive. Questo può avvenire mediante un’ospitalità attenta all’ambiente, a partire dalla centralità di un modello di “edificio attivo”, manufatto di nuova concezione, progettato e costruito per il connubio Ospite-Ambiente, frutto dell’adozione di processi informatizzati del Building Information Modelling” (BIM), con l’obiettivo di ripristinare il naturale equilibrio tra l’uomo e il territorio”.