Thailandia Up and Down: l’itinerario di KiboTours da nord a sud

218

Famosa per i party sulla spiaggia, il mare e l’atmosfera rilassata dalle sfumature hippie, la Thailandia rivela il suo volto storico e artistico a chi sceglie l’itinerario Up and Down proposto da KiboTours.

Un tour completamente nuovo, calibrato su dieci giorni, e pensato per chi non vuole perdersi nulla, ma senza nessuna fretta o stress, in perfetto stile buddhista.

Il viaggio inizia naturalmente dalla vivace capitale Bangkok, con focus sui templi più celebri, le grandi statue di Buddha e il meraviglioso Palazzo Reale, senza dimenticare di immergersi nelle attività della gente comune, come il mercato galleggiante di Damnoen Saduak, a circa 70 km dalla capitale, o una visita ad una fattoria tradizionale dove si ricava zucchero di cocco direttamente dalla piantagione.

Dal capoluogo si incomincia la parte UP, salendo verso nord e toccando splendide località come Ayutthaya, antica capitale del Regno del Siam e sito archeologico riconosciuto dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità, come pure il Parco Storico di Sukhotai o Phra Prang Sam Yod, tempio induista abitato da una colonia di simpatici macachi. In seguito si sale ancora, giungendo al mitico Triangolo d’Oro, una delle zone più dense di storia ed arte del Paese, ricco di templi e pagode. Il viaggio in minivan consente di ammirare paesaggi straordinari, come la vista del fiume Mekong e del suo affluente Rak, e di entrare in contatto durante le soste con la popolazione locale, come gli Akha, originari di Cina e Tibet, che vivono nei piccoli villaggi di montagna. Ancora più a nord si arriva al campo di addestramento degli elefanti di Mae Taeng, e ai villaggi delle donne giraffa.

Dopo essere rientrati in volo a Bangkok il viaggio si snoda nella parte sud della Penisola, con un tratto percorso anche a bordo del treno, che attraversa la giungla ed il mitico ponte sul fiume Kwai. Si prosegue poi verso il parco nazionale Erawan e le sue cascate, per addentrarsi nella penisola della Malacca Siamese e verso il golfo. La provincia meridionale di Chumphon, dallo straordinario fascino naturalistico e con spiagge frequentate solo da pescatori, è una delle ultime tappe dell’itinerario, che si conclude a Khao Sok, che vanta tratti di foresta vergine popolati da diverse specie animali.