I turisti a Milano sono tornati ai livelli del 2019. Lo ha annunciato il sindaco Beppe Sala. “Quasi incredibilmente, i dati del 2022 sono pari a quelli del 2019” ha detto il sindaco aggiungendo che ciò vuol dire che la città è tornata a livelli pre-Covid. Nel dettaglio, i numeri dicono che ad aprile a Milano sono giunti quasi 600mila visitatori con un balzo in avanti del 500 per cento rispetto all’ aprile scorso. Sta dando buoni frutti quindi la campagna che il Comune sta portando avanti con Milano & Partners, l’ agenzia fondata insieme alla Camera di Commercio. Tutto ciò in vista di un mese di giugno ad alta concentrazione di eventi e con un numero di turisti destinato a crescere ancora. Ne è convinta l’ assessora al Turismo, Martina Riva guardando all’imminente Salone del mobile, a Pianocity e ia Milano Monza Motorshow. L’0assessore spiega che per giugno è atteso un picco di visitatori mentre l’obiettivo finale resta quello di portare i turisti a restare in città il più possibile. Oggi, la media dei pernottamenti è ferma a 2,7 notti. Sotto la lente di ingrandimento degli osservatori turistici c’è in particolare il nord America. “Nel contesto globale è il mercato con il più alto potenziale di turismo leisure per la città” spiega l’assessora Riva che, sottolinea come la prossima apertura di nuovi voli diretti con il continente al di là dell’Atlantico, farà di Milano una destinazione sempre più accessibile per il visitatore americano.