Singapore Airlines ha deciso il taglio del 96% della capacità originariamente programmata fino alla fine di aprile.

“Questo – scrive la compagnia in una nota – significherà tenere a terra circa 138 aeromobili SIA e SilkAir su una flotta totale di 147, nell’ambito della più grande sfida che il Gruppo SIA abbia mai affrontato nel corso della sua esistenza”.

Goh Choon Phong, CEO di Singapore Airlines, ha dichiarato: “Anche durante questa crisi, i nostri passeggeri e il nostro personale restano la nostra massima priorità. Continuiamo a concentrarci su come riportare a casa in sicurezza il maggior numero possibile di passeggeri e proteggere il lavoro del nostro staff. Desidero ringraziare il personale del Gruppo SIA per l’impegno e i sacrifici in questo periodo estremamente difficile. E desidero anche scusarmi con i nostri passeggeri e ringraziarli per la loro pazienza e comprensione in un momento in cui stiamo affrontando una situazione senza precedenti. Abbiamo più che raddoppiato la capacità di gestione dei nostri centri di assistenza e degli uffici vendite e stiamo cercando di aiutare il maggior numero possibile di persone nel minor tempo possibile”.

Anche la low-cost Scoot sospenderà la maggior parte del suo network, lasciando a terra 47 aeromobili su 49 che appartengono alla sua flotta.