La Repubblica Dominicana partecipa a Fitur 2023, dal 18 al 23 gennaio a Madrid, forte dei risultati ottenuti nel 2022 – anno record con oltre 7 milioni di turisti, unico paese al mondo a crescere in termini di arrivi turistici rispetto al 2019 – e con l’obiettivo di promuovere il Paese quale destinazione ideale nei Caraibi.

Nella fitta agenda di appuntamenti della Delegazione dominicana, capitanata dal Ministro del Turismo David Collado, anche la presentazione della destinazione di Miches, uno dei nuovi gioielli turistici del Paese – con dettagli sui piani di sviluppo e sugli hotel che hanno aperto e che apriranno nel prossimo biennio – nonché il lancio, alla presenza di oltre 200 tour operator e agenzie di viaggi da tutta Europa, del nuovo roadshow europeo del Ministero del Turismo per presentare le attrazioni e le novità della destinazione Repubblica Dominicana. Più di 50 i co-espositori nello stand dominicano, in rappresentanza di compagnie alberghiere, DMC e aziende private.

La partecipazione in grande stile alla fiera che tradizionalmente apre l’anno per il mercato del turismo non poteva arrivare in un momento migliore: per la prima volta la Repubblica Dominicana ha superato i 7 milioni di turisti in un anno, raggiungendo un totale di 7.165.387 da gennaio a dicembre 2022, mese, quest’ultimo, che è il migliore nella storia del turismo dominicano, superando per la prima volta i tre quarti di milione di turisti, con un totale di 765.910 visitatori.

Rispetto al 2019, il Paese è cresciuto del 10% di visitatori per via aerea e del 20% di visitatori arrivati con navi da crociera – una percentuale che ha portato il 2022 a battere anche il record dei crocieristi, 1.311.129 persone – per un totale senza precedenti di 8,47 milioni di visitatori in Repubblica Dominicana.

Un altro dato, in questo anno 2022 da record, riguarda gli introiti generati dal turismo, che per la prima volta superano gli 8 miliardi di dollari in valuta estera, secondo i dati preliminari e in attesa di conferma da parte della Banca Centrale, che si stima arriveranno a 8,6 milioni di dollari in valuta estera.

A dicembre, l’aeroporto che ha registrato il maggior numero di arrivi è stato Punta Cana, oltre 425.000 turisti, seguito da Las Américas con circa 206.000 turisti, mentre il paese di emissione turistica numero 1 sono stati gli Stati Uniti, seguiti da Canada, Colombia, Argentina e, prima in Europa, la Germania. Per quanto riguarda l’occupazione degli hotel, il dato ha raggiunto il 76% a livello nazionale nel dicembre 2022, superando il 69% di occupazione che era nel 2019 prima della pandemia. Le destinazioni con la più alta occupazione sono state Punta Cana-Bávaro e Romana-Bayahíbe con, rispettivamente, il 79% e il 78%.

Alla partenza per Madrid il Ministro del Turismo David Collado ha detto: “Andiamo a Fitur con l’impegno di continuare a lavorare instancabilmente e con trasparenza per poter confermare nel 2023 lo stesso tasso di crescita che abbiamo avuto nel 2022, certi che i visitatori e gli investitori europei possano vedere nella Repubblica Dominicana la destinazione ideale nei Caraibi”.