Primarete e Travelbuy, insieme nel segno della trasformazione

114

Primarete e Travelbuy, i due Network che dal 2016 condividono organizzazione e progetti, sono proiettati al 2020 con il comune intento di rappresentare la Media Distribuzione Organizzata italiana ed essere identificati per questa peculiarità.

Per Ivano Zilio, Presidente di Primarete, il rivoluzionario e radicale progetto di aggiornamento è “caratterizzato da profonde trasformazioni di carattere rinnovatore”.

“Non è facile emergere in un mercato dove l’unica legge considerata praticabile è quella del pesce grande che mangia il pesce piccolo – commenta Zilio – Noi abbiamo lottato dimostrando che il rinnovarsi e il differenziarsi ripagano e che, finalmente, anche il mercato di riferimento comincia a recepire il nostro nuovo volto”.

La trasformazione, tuttora in atto, passa anche da un radicale restyling interno. “Dalla trasformazione della sede di Padova in Hub Office – continua il presidente di Primarete – alla creazione di ambienti più confortevoli, fino alla scelta di attrezzature e tecnologie all’avanguardia. Tutto ciò rivolto al miglioramento dell’ambiente, del tempo lavorativo e del benessere psicofisico dei collaboratori. Inoltre, le nuove assunzioni del personale sono rivolte a creare un team esperto dei nostri nuovi servizi e che sia in grado di rispondere a ogni bisogno delle agenzie”.

A tal proposito, Zilio sottolinea i punti distintivi del Network, quali il booking centralizzato, l’ormai rodato customer care e una rete di sales tutor web: una figura che unisce il promotore alla conoscenza del formatore digitale il quale, in Primarete, insegna l’utilizzo delle nuove piattaforme plasmando gli agenti del futuro, più tecnologici, più smart.

“In Primarete e TravelBuy è fondamentale la crescita digitale e fin dall’inizio ho sposato questo concetto”, afferma il presidente di Travelbuy, Alfredo Vassalluzzo. “Ma la vera rivoluzione, ancor prima che tecnologica, consiste nella capacità di mettersi continuamente in discussione, guidati da coloro che fanno davvero le regole del mercato, vale a dire gli agenti di viaggio, senza i quali, nessuno sarebbe qui. Ed è per questo che Travelbuy investe sulle agenzie, che oggi superano le 120 a marchio Travelbuy e che presto diventeranno almeno 200 se si confermerà il trend positivissimo di questi ultimi mesi”.