Ostello Bello: i 10 ostelli da visitare quest’estate in Europa

236

Si avvicina l’estate e con lei la voglia di programmare viaggi e week-end nelle principali capitali europee: Ostello Bello ha stilato un decalogo delle strutture europee in linea con i loro standard di qualità, accoglienza e prezzi.

Dieci ostelli nel cuore delle città europee più belle dove sentirsi a casa e ritrovare la filosofia di ospitalità e viaggio che Ostello Bello porta in tutte le sue strutture, con un’attenzione particolare al design e alle tendenze contemporanee di ogni Paese.

Una forma di turismo sempre più amata, quella che passa dagli ostelli, che i giovani europei scelgono ormai non solo con lo scopo di risparmiare, ma soprattutto per vivere le città insieme ai locali, scoprendo usanze, curiosità e itinerari lontani dal turismo di massa di hotel e B&B.

Così Luca Perolo, socio di Ostello Bello: “Ostello Bello è un progetto che nasce dalla passione di un gruppo di amici malati di viaggio, un progetto concepito grazie alla voglia di esplorare il mondo insieme. Il mondo degli ostelli, che oggi possiamo considerare una vera e propria industry, ha una caratteristica distintiva rispetto all’hotellerie classica: chi opera nel nostro settore ha alle spalle una storia di grandi viaggi, una marcata propensione alla convivialità ed una visione del mondo aperta, inclusiva e senza barriere. Senza questi ingredienti è praticamente impossibile affermarsi in questo settore: l’autenticità dei valori e delle passioni espresse crea un rapporto identitario con il nostro stesso target”.

Federico Scotti, Operation Manager di Ostello Bello, aggiunge: “Da Atene a Belgrado, passando per Tiblisi, Marsiglia e Tel Aviv. Città tutte da scoprire, in pieno fermento, ostelli che aprono le porte delle rispettive città offrendo un punto di vista non convenzionale. I ventenni di oggi stanno riscoprendo i valori di un modo di viaggiare dove la conoscenza tra persone diverse è più importante delle tacche del Wi-Fi. Abbiamo selezionato questi 10 ostelli perché li viviamo come parte della nostra stessa community, un social network reale, dove le persone si connettono tra loro per davvero, dove si diventa amici sul serio e dove lo sharing è concreto. Siamo sicuri che anche i ragazzi italiani, che oggi stanno imparando a conoscere la potenza degli ostelli, apprezzeranno queste destinazioni”.

Questa la classifica dei dieci ostelli consigliati da Ostello Bello.

  1. Abraham Hostel, Tel Aviv: aperto a marzo 2016 nel cuore pulsante di Tel Aviv e vicino a molti dei luoghi più interessanti della città, con quasi 400 posti letto, l’Abraham Hostel Tel Aviv si trova sulla HaRakevet Street, a 50 metri dal Rothschild Boulevard nel piccolo quartiere noto come Electric Garden. A pochi passi dalla spiaggia e dall’antica Jaffa, offre una terrazza sul tetto davvero suggestiva e una programmazione di eventi culturali e musicali particolarmente ricca.
  2. AthenStyle, Atene: un ostello boutique situato nel centro storico di Atene che offre alloggio sia in camere private, sia in dormitori condivisi. Una base perfetta per godersi la splendida Atene e il suo centro storico prima di partire per le isole greche.
  3. ArkaBarka, Belgrado: un luogo magico, un ostello situato sulle rive del Danubio, a pochi minuti dal Palazzo del Parlamento Serbo e dal Museo di Arte Contemporanea. Camere con finestre ampie che affacciano sul fiume, pareti colorate e un’offerta di attività di ogni tipo, dal noleggio di bici alle gite in barca.
  4. Cat’s, Madrid: uno degli ostelli più coinvolgenti e creativi della città, il primo grande “ostello sociale” di Madrid, che promette di offrire esperienze uniche e speciali lontano dai percorsi turistici tradizionali. Un’atmosfera esclusiva e profondamente internazionale che accompagna i viaggiatori a scoprire lati sconosciuti della capitale spagnola: dai tapas tour, ai party a tema, a tour gratuiti della città fino alla scoperta dei migliori pub nei giri di “pub crawling” organizzati.
  5. Circus, Berlino: un’istituzione per la città di Berlino, un ostello di design nel centro della città in cui la Designer Sandra Ernst ha curato tutto il design degli interni con colori vivaci e allegri, realizzando a mano pezzi unici di arredamento per ogni ambiente. Un’offerta di servizi speciale, tra cui le lezioni di yoga sulla terrazza panoramica, il caffè del mattino nel cortile e i giornali internazionali nella biblioteca, che fanno sentire davvero a casa.
  6. Fabrika, Tblisi: uno dei luoghi più multiculturali della città, centro di ritrovo di artisti, musicisti, perfomers e viaggiatori che arrivano da tutto il mondo. Costruito all’interno di una ex fabbrica di cucito sovietica nel centro storico della città, offre un’ambientazione industriale e una programmazione di eventi culturali molto ricca.
  7. Home Lisbon Hostel, Lisbona: un piccolo ostello nel cuore di Lisbona, a 4 minuti dai quartieri Baixa e Chiado, base perfetta per visitare la città e perdersi nei suoi quartieri antichi. Con un menu di piatti tipici e caserecci della tradizione portoghese.
  8. Kex, Reykjavik: ospitato in una vecchia fabbrica di biscotti di Reykjavik e arredato con materiali di recupero, offre un’atmosfera speciale che unisce un tocco vintage industriale ad un gusto eclettico e contemporaneo. Dormitori e camere private per un massimo di 215 ospiti con ristorante e bar, area lounge, patio esterno riscaldato, banco informazioni turistiche, lavanderia, palestra vecchia scuola, cucine ospiti, sala riunioni, WiFi gratuito.
  9. Soul Kitchen, San Pietroburgo: premiato come miglior ostello della Russia, questo magnifico palazzo neobarocco è stato trasformato in un ostello nel 2010. Ambientazione di diversi passaggi del romanzo di Bulgakov “Il Maestro e Margherita”, oggi è un punto di riferimento per i viaggiatori, singoli o in famiglia, che visitano la città.
  10. Vertigo, Marsiglia: nella città vecchia di Marsiglia, un ostello di stile provenzale ricco di murales e luce. Prezzi competitivi e una posizione davvero centrale ne fanno uno degli ostelli più amati da chi visita il sud della Francia.