Originaltour punta sulla diversificazione

215

Il 2019 sarà un anno da ricordare per Originaltour perché ricorrono i trent’anni dalla fondazione dell’operatore e i vent’anni da quando ha iniziato a programmare l’Oman. E proprio grazie all’esperienza e alla conoscenza del Paese, Originaltour è un punto di riferimento sul mercato italiano per l’Oman. E non soltanto per il Sultanato, ma anche per altre destinazioni di lungo raggio che l’operatore programma da molti anni.

“Stiamo vendendo molto bene viaggi in Vietnam, Laos e Cambogia, con un ventaglio di proposte ampie e in alcuni casi anche dei combinati tra i diversi Paesi. Per la maggior parte, si tratta di viaggi di gruppo con partenze a date fisse in italiano, ma anche diversi itinerari su base privata e con guida parlante in italiano. Ottime performance anche per la Malesia, un Paese che è ormai nel nostro DNA”, specifica Loredana Arcangeli, direttore generale dell’operatore.

Tra le sorprese dell’estate 2019 c’è sicuramente l’Uzbekistan, destinazione che Originaltour propone da tempo ma che ultimamente ha dei riscontri molto positivi. L’operatore propone un tour di gruppo in italiano con partenze a date fisse, alla scoperta delle più belle città del paese, culla di antiche culture e civiltà da Khiva a Bukkara, Samarcanda e la capitale Taskent e altre suggestioni in gruppo o su base privata.

“Abbiamo diversificato tanto negli ultimi anni e oggi disponiamo di una programmazione ampia e varia e fruibile tutto l’anno. I viaggi in Oman, infatti, sono sospesi da metà maggio a fine luglio, per via della stagione particolarmente calda, ma li riprendiamo con due tour di gruppo e itinerari su base privata da metà agosto”, precisa Arcangeli.

Pasqua è invece un periodo ideale per vedere il Sultanato e Originaltour propone diversi tour, tra cui “Fantastico Oman”, di 10 giorni dal 19 al 28 aprile, un tour in fuoristrada con guida italiana, che prevede la traversata dei monti Hajar, il pernottamento del Desert Night Camp, le oasi, il passaggio nel deserto per arrivare fino a Duqm, Ras al Jinz, dove le tartarughe depongono le uova fino al deserto di Woodland, con le dune bianche e “Oman Classico Gold, Disegni di sabbia” di 7 giorni, dal 21 al 28 aprile, un itinerario nuovo e originale che oltre alle visite classiche dell’Oman, prevede anche le Tombe di Bat, uno dei siti archeologici più antichi del Sultanato e Patrimonio UNESCO.