Nuovevacanze: la tecnologia a supporto delle agenzie di viaggio

306

“Supportare la distribuzione in una necessaria riorganizzazione, ammodernare un sistema che ricalca le vesti di 30 anni fa, questa è la mia Mission”, esordisce così Corrado Lupo Founder & Ceo Nuovevacanze Travel Group. “Da quasi 20 anni mi occupo di turismo ed ho ricoperto molteplici ruoli facendo la classica “gavetta”. Mi è servito per conoscere la filiera e le operatività quotidiane dei diversi comparti, maturando così una sensibilità ed una conoscenza puntuale di ogni singolo work flow”.

“Partecipando alle ultime edizioni delle più conosciute fiere di settore in Italia – continua Lupo – mi rendo conto che sono legate allo stesso format di oltre 20 anni fa. Chi ha però il coraggio di cambiare? Il problema principale sono le procedure quotidiane che si compiono nelle agenzie di viaggio. La distribuzione è costantemente bombardata di informazioni dai tour operator partner, dalle catene alberghiere e dai network di appartenenza. Vi sono inoltre i continui aggiornamenti sulla burocrazia imposta dalle istituzioni; vi è una notevole complessità in ambito fiscale e contrattuale. Ma la mia domanda è: “un’agente di viaggio quanto tempo riesce a dedicare alla sua risorsa principale ovvero il cliente? Certamente meno del 30% della giornata si dedica alla vendita. Da sempre il mio impegno è volto all’ottimizzazione dei processi ed alla semplificazione degli stessi”.

“Nell’ultimo decennio – prosegue il CEO di Nuovevacanze – ho studiato approfonditamente la tecnologia ed il web-marketing in ambito travel, maturando una grande passione. Digitalizzazione: questo dovrà essere il must per gli agenti di viaggio del futuro. Utilizzare al meglio le innumerevoli tecnologie a disposizione delle agenzie: questa dovrà rappresentare la sfida quotidiana per ogni azienda turistica ed è proprio questa la mia vision. Vedo ancora molte agenzie con locandine in bianco e nero affisse in vetrina. Molte di esse non possiedono neppure un sito strutturato che possa essere utilizzato quale sistema di vendita o utile a catturare i clienti dal web”.

“Si deve inoltre considerare che in mercati come gli Usa hanno avuto origine nuovi strumenti di funnel di marketing utili ad automatizzare il processo di informazione e vendita. Inoltre sono troppe le operazioni contabili che un agente deve fare quando esistono numerose soluzioni che ottimizzerebbero le dispersioni di tempo utilizzando le economie di scala. La distribuzione organizzata dovrà quindi attuare un cambio radicale di mentalità per sopravvivere al cambiamento e ritornare ad essere il principale attore della filiera turistica”, conclude Corrado Lupo.