Con la fine dell’anno che si avvicina, la richiesta di viaggi a Capodanno torna ad attestarsi finalmente su numeri importanti.

Cavalcando il crescente interesse dei viaggiatori, Guiness Travel lancia la sua ricca e variegata proposta.

Sono infatti più di 45 le partenze in catalogo per la festa più importante dell’anno, distribuite tra Europa, Africa, Asia e America. Tanti e di diversi tipi gli itinerari proposti: long-weekend nelle classiche capitali europee, tour in Italia e in Europa, Gran Tour su destinazioni di medio e lungo raggio.

Tra le mete extraeuropee, solo per citarne alcune, spicca l’area del Medioriente con la Giordania, l’Egitto e gli Emirati a contendersi la palma dei paesi più richiesti. Numeri confortanti ritornano anche dall’Estremo Oriente, con la Thailandia in grande spolvero e le sorprese del Vietnam e della Malesia. Rientra nei radar anche un altro grande classico, l’India del Rajasthan.

“E’ sempre più complicato gestire la fase di programmazione, tra tariffe che aumentano vertiginosamente e domanda di mercato sempre più importante, – spiega Michele Mosca, product Manager di Guiness – “ma in virtù della nostra strategia di acquisto degli allotment aerei e di servizi a terra per tutti i nostri viaggi, siamo in grado di poter assicurare ai viaggiatori una sicura e ampia disponibilità dei nostri itinerari senza sorprese tariffarie, come quotidianamente riportato dalle agenzie di viaggio”.

La certezza di avere posti garantiti su ogni partenza, a fronte di un prezzo finito che non risente della politica “schizofrenica” di rialzo tariffario, sposa alla perfezione l’esigenza di sicurezza e di tranquillità dei clienti, desiderosi di prenotare un viaggio organizzato nell’ampio ventaglio dell’offerta Guiness

Inoltre, la garanzia della possibilità dell’annullamento a 45 giorni prima della partenza per qualsiasi motivo consente di pianificare con largo anticipo la propria esperienza di viaggio in tutta tranquillità dopo la lunga incertezza degli anni passati.