Si è costituita a Milano l’Associazione “Turismo per l’Italia”, fondata da otto professionisti di lunga e consolidata esperienza che da molti anni operano a vario titolo nel mondo del turismo.

Ideatore e Presidente è Stefano Crugnola, milanese di 48 anni, agente di viaggi con pluriennale esperienza e con vari incarichi svolti in alcuni network di Agenzie viaggi, sino all’incarico di un anno fa a ‘Membro del Comitato permanente di promozione del turismo in Italia’.

“Turismo per l’Italia – le parole di Crugnola – nasce con l’obiettivo di far raggiungere al settore del Turismo, finalmente e non solo a parole, ma con fatti concreti come i provvedimenti di legge, la dignità che merita, partendo dall’importanza che rappresenta a livello economico in Italia. La nostra Associazione, non di categoria ma di settore, propone qualcosa di diverso: il nostro logo rappresenta la “T” di Turismo, della Tua voce che conta, dei Territori, del Tempo giusto per ripartire senza esitazione, semplicemente del nostro Tempo”.

Gli altri fondatori sono Letizia Sinisi, Giusy Lodetti, Giulio Biasion, Maurizio Boiocchi, Michele Cristallini, Giorgio Mingardi e Salvatore Petrelli.

L’Associazione ha la volontà di includere e coinvolgere tutte le figure professionali legate direttamente o indirettamente al mondo del turismo, alle Istituzioni, agli addetti ai lavori quali Agenzie di viaggi e Tour Operator, ai Balneari, alla filiera dell’Ospitalità (Albergatori e Ristoratori), alle Guide e Accompagnatori turistici, ai Noleggiatori, agli Ncc, alla filiera dell’Italian Style, ecc., compresi gli stessi viaggiatori.

Turismo per l’Italia si pone come soggetto di riferimento trasversale all’intera filiera del Turismo da e verso l’Italia quale settore strategico dell’economia italiana per il rilancio del Paese al fine di guidarne la crescita e la competitività. Obiettivo del Movimento è la creazione di un’organizzazione a livello nazionale e internazionale che convogli in un’unica entità la rappresentanza di tutte le componenti professionali del comparto allo scopo di condividere professionalità, conoscenze ed esperienze tali da rappresentare un interlocutore unico e globale attraverso l’ascolto attivo dei suoi associati, la divulgazione della Cultura Turistica verso le istituzioni e l’opinione pubblica, lo sviluppo di progetti innovativi, efficaci piani formativi per la riqualificazione professionale, la promozione del valore italiano nel mondo, la condivisione attraverso forme nuove e più sentite dal viaggiatore della tipicità di un territorio e lo scambio culturale con altri paesi.