La Moldova chiude il 2018 con un incremento a due cifre degli arrivi di turisti stranieri.

Anche se i dati consuntivi del 2018 non sono ancora disponibili, le rilevazioni effettuate mostrano che la tendenza emersa nella prima parte dell’anno si è mantenuta con un incremento negli arrivi internazionali che si conferma a +20%, una crescita importante considerando che solo tre anni fa la Moldova era conosciuta per lo più per essere tra i paesi meno visitati al mondo.

Il trend si è invertito negli ultimi due anni dopo che numerose testate e  operatori internazionali, come National Geographic, Lonely Planet, New York Post e Intrepid Travel, l’hanno inserita nelle top 10 delle destinazioni emergenti da non perdere.

Due anni fa sono iniziate anche le attività di marketing e comunicazione nel mercato italiano, dove il travel trade ha accolto la nuova destinazione europea con entusiasmo: diversi tour operator hanno inserito la Moldova nella loro offerta di tour organizzati. Oltre a Francorosso che ha incluso la destinazione nel suo catalogo Eurasia 2019 in distribuzione, sono numerosi i tour operator che offrono la Moldova, come Apatam, Azalai Travel Design, Columbia Turismo, I Viaggi di Maurizio Levi, Estland, che ha anche dedicato dei monografici al paese, solo per citarne alcuni. A questi si aggiungono i circa cento operatori che hanno partecipato al webinar online lo scorso novembre e che hanno richiesto di partecipare ai viaggi educational che l’ente di promozione turistica e ANTRIM stanno organizzando, per cominciare a programmare la destinazione.

La Moldova può contare su ottimi collegamenti aerei che con voli diretti in due ore raggiungono la capitale Chisinau da nove aeroporti italiani. Air Moldova vola dai sette principali aeroporti italiani, in particolare i voli da Milano e Verona diventano giornalieri da giugno a settembre, mentre da Roma nello stesso periodo le partenze sono sei a settimana. Riconfermata la tariffa leisure in classe E per operatori turistici con advance purchase min. 14 giorni e bagaglio incluso. FlyOne collega Verona e Parma con due voli la settimana, che diventano tre la settimana da marzo a ottobre, mentre Wizz Air vola da Treviso, Bergamo, Bologna e Roma Ciampino.