Mauritius, alla scoperta dei sapori dell’Isola

375

Se è vero che l’unico modo per liberarsi dalle tentazioni è cedervi, come suggeriva Oscar Wilde, gli amanti dei piaceri del palato non potranno rinunciare a un viaggio alla scoperta dei sapori di Mauritius.

Qui vige un’unica regola: sperimentare per lasciarsi travolgere dalle specialità mauriziane e dall’accoglienza locale. L’isola offre un mix unico al mondo di sapori e aromi, risultato dell’influenza di paesi quali India, Cina, Africa, Francia e Regno Unito.

Sull’isola abbondano succosi frutti da gustare in spiaggia per rinfrescarsi dopo una nuotata o un’escursione in barca: lychees, mango, cocco, ananas e papaya. Un posto d’eccezione per acquistarli è il mercato centrale di Port Louis, la capitale dell’isola, dove si possono trovare anche spezie, vaniglia e artigianato locale.

La dolcezza di questa incantevole destinazione esotica trova espressione anche nella produzione di zucchero. Vale senz’altro la pena dedicare un pomeriggio a una visita presso l’Aventure du Sucre, un antico zuccherificio oggi riconvertito in un museo che illustra, con oggetti e immagini, il processo produttivo di questo delizioso dolcificante naturale. Dal bianco al bruno dorato e al marrone scuro, le varietà di zucchero grezzo prodotte a Mauritius sono davvero numerose e sono perfette da abbinare a una tazza di tè, da sorseggiare godendosi gli ampi orizzonti verdi e lussureggianti di questa rigogliosa isola.

È possibile conoscere i numerosi aromi di questa bevanda attraverso una full immersion nel suo mondo tramite la Route du Thè, un vero e proprio viaggio per scoprire la storia e le tecniche di produzione del tè sull’isola. La prima tappa è una visita al Domaine des Aubineaux, una dimora coloniale che risale alla fine del XIX secolo; a seguire, un tour alla fabbrica del tè di Bois Chéri, con tanto di degustazione: lasciatevi stuzzicare dalla curiosità e scegliete tra i diversi aromi, dal cocco alla vaniglia. Quest’ultima rappresenta un altro dei capisaldi dei sapori mauriziani: è diffusissima a Mauritius e il posto più adatto per scoprirne la proprietà è la terza tappa della Route du Thè, ovvero il ristorante Le Saint Aubin.

Infine, il viaggio alla scoperta dei sapori locali non può non includere una degustazione di rum: è d’obbligo una sosta alla Rhumerie de Chamarel, immersa nel verdeggiante entroterra vicino alla suggestiva Terra dei 7 colori. Oltre a diversi tipi di rum, è possibile assaggiare anche liquori aromatizzati con prodotti locali.