“In questo tempo sospeso, in cui tutti vorremmo partire ma non possiamo ancora farlo, stiamo preparando i viaggi del futuro, pensando al nuovo modo in cui viaggeremo e orientandoci su destinazioni che ci permettano di farlo in sicurezza”, così Pierpaolo Di Nardo, fondatore di Maldindia.

“Abbiamo selezionato destinazioni del Subcontinente Indiano affascinanti e poco affollate tra cui Bhutan, Sri Lanka, Ladakh;  le regioni di Jodhpur e Udaipur in Rajasthan, dove scoprire i villaggi dei Rabari; i parchi della tigre in Madhya Pradesh e le vaste campagne tropicali del Karnataka e del Kerala”, continua Di Nardo.

“Stiamo sensibilizzando i nostri partner – aggiunge il fondatore del to – sul distanziamento e sulla sicurezza: viaggi individuali su misura, per famiglie o piccoli gruppi di amici; sanificazione giornaliera degli ambienti, kit sanitari nelle vetture e negli alberghi;  voli aerei interni solo in business class; vetture con autisti separati dai passeggeri”.

“Stiamo ridisegnando i nostri tour con soggiorni di 4/5 notti nella stessa location, spesso in zone appartate, dove fare tappa  per visitare la regione circostante. Location che ci consentono di visitare i monumenti principali e di entrare a contatto con le popolazioni locali, immergendosi nella vita dei villaggi a contatto con realtà rurali autentiche, e che  – conclude Pierpaolo Di Nardo – possiamo visitare mantenendo un alto livello di sicurezza e distanziamento”.