Mice, leisure e un piano di azione coordinato su trade e consumer con l’obiettivo di incentivare la ripresa dei flussi turistici verso la Capitale delle Capitali, riportandola ai tassi di crescita del passato: Visit Brussels annuncia una primavera ricca di appuntamenti per gli operatori del settore, con un focus sul mercato del centro/sud Italia, caratterizzato da ottime potenzialità di crescita anche in relazione ai collegamenti diretti da Campania e Sicilia, a cui si affiancano in alta stagione Puglia e Calabria.

Tra le prime tappe, in ordine di tempo, i workshop di Bari e Brindisi, nell’ambito dell’iniziativa “Enti in Tour” e la partecipazione alla XXV edizione di BMT, in programma a Napoli dal 18 al 20 marzo. Seguiranno tra aprile e maggio nuovi workshop che toccheranno la Sicilia, Lamezia Terme e Cosenza e, nel mese di giugno, un fam-trip riservato a tour operator e agenti di viaggio che, oltre a visitare la città, potranno incontrare DMC e partner dell’Ente.

Riflettori puntati anche sul MICE, con la presenza di Visit Brussels ai principali appuntamenti del settore, in collaborazione con Ediman e Mice&More, per la presentazione della nuova edizione di “Let’s Meet in Brussels 2022”, manuale operativo di oltre 300 pagine rivolto ad agenzie, incentive house, aziende e operatori professionali, che raccoglie tutte le indicazioni e i contatti utili per districarsi nell’enorme offerta di servizi della città. Un supporto completo ed esaustivo, per organizzare al meglio l’evento a Bruxelles, sia esso un team building per una decina di persone o un congresso di richiamo internazionale aperto a migliaia di partecipanti, approfittando anche delle nuove opportunità tecnologiche per lo sviluppo di eventi ibridi.

Da segnalare a questo proposito anche il Venue Finder, servizio online che aiuta ad identificare le location migliori, sulla base dei parametri e degli obiettivi dell’evento: nel cuore istituzionale, oltre che geografico, d’Europa, Bruxelles è la prima città del Continente per il turismo congressuale e si colloca ai primi posti anche su scala globale. Offre più di 350 location in grado di ospitare ogni tipo di meeting: la scelta spazia dallo stile moderno e funzionale dei centri congressi di più recente costruzione, al fascino senza tempo dei palazzi in stile Art Nouveau e delle dimore private storiche. E poi musei, teatri, centri culturali e castelli. Il tutto supportato da oltre 20.000 camere suddivise in più di 200 hotel situati in ogni angolo della città, e da una fitta rete di trasporti e collegamenti aerei e ferroviari.

“Nel corso dell’ultimo biennio – dichiara Ursula Jone Gandini, Direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles – la destinazione ha lavorato alacremente per migliorare la qualità dell’offerta, puntando su tecnologia, sostenibilità e sicurezza, senza per questo rinunciare al suo spirito eclettico e innovativo. Non vediamo l’ora di incontrare i partner della distribuzione, anche in relazione alle recenti aperture e alla ripresa dei flussi turistici, per presentare tutte le novità in programma, ideali sia per una vacanza di piacere, sia per chi si reca in città per lavoro”.

Dal 18 marzo, ad esempio, al VIAGE – Teatro d’Arte Digitale di Bruxelles, debutta la mostra evento Viva Frida Kahlo, aperta al pubblico fino al 1° maggio: grazie ad un complesso sistema che integra realtà virtuale, video mapping ed effetti speciali luminosi ed acustici, è possibile vivere una vera e propria esperienza immersiva nella travagliata vita dell’Artista, scoprendo i suoi celebri autoritratti e le sue opere piene di simbolismo colorato ed esotico, da un’inedita e coinvolgente prospettiva.

Al Design Museum, invece, da aprile ad agosto si potrà visitare una mostra dedicata a Charlotte Perriand, una delle fondatrici del design contemporaneo, famosa anche per la collaborazione con Le Corbusier. Il Kanal – Centre Pompidou, in attesa dell’inaugurazione che avverrà nel 2024, aprirà finalmente le porte al pubblico per una esclusiva preview, offrendo la possibilità di ammirare una selezione di opere di artisti locali che successivamente affiancheranno le collezioni ufficiali.

Spazio infine anche agli appassionati di musica: in occasione del centesimo anniversario della nascita di Toots Thielemans, formidabile chitarrista e armonicista belga, il KBR Museum e il Museo degli Strumenti Musicali (MIM) presentano “Toots 100. The Sound of a Belgian Legend”, esposizione che ripercorre la grande carriera dell’Artista e le sue storiche collaborazioni con star come Quincy Jones, Peggy Lee, Sting e Mina.