La Guida Michelin ha premiato un ristorante con il prestigioso riconoscimento di due stelle e altri sei con una stella, nella prima selezione della sua storia in Argentina, incentrata sulle città di Buenos Aires e Mendoza.

Il grande vincitore della serata è stato Aramburu, il ristorante di Buenos Aires dello chef Gonzalo Aramburu, con due stelle Michelin al suo attivo. “Quello che stiamo vivendo è magico; al di là del premio personale, sono contento di quello che sta accadendo in entrambe le città, con tanti ristoranti meravigliosi che fanno cose uniche”, ha sottolineato lo chef.

La sensazione di essere testimoni di una tappa storica per la gastronomia argentina ha diffuso gioia ed emozione per tutta la serata tra gli oltre 400 ospiti, tra cui rinomati chef e rappresentanti del settore turistico, che hanno affollato la cerimonia di premiazione, tenutasi nel pittoresco quartiere La Boca della capitale argentina. E questo non è sfuggito all’attenzione del Direttore Internazionale della Guida Michelin, Gwendal Poullennec, che sul palco, guardando i vincitori, ha detto: “State tutti contribuendo a mettere il Paese sulla mappa culinaria mondiale. Spero sinceramente che questa selezione incoraggi i buongustai di tutto il mondo a visitare e scoprire ancora di più Buenos Aires e Mendoza”.

Oltre ad Aramburu, sono stati premiati con una stella Michelin i ristoranti di Buenos Aires Don Julio, di Guido Tassi, e Trescha, di Tomás Treschanski, e quelli di Mendoza Azafrán, di Sebastián Weigandt, Brindillas, di Mariano Gallego, Casa Vigil, di Iván Azar, e Zonda Cocina de Paisaje, di Augusto García.

L’Argentina è il primo Paese di lingua spagnola dell’America Latina a essere segnalato dalla Guida Michelin. Adesso, le strutture premiate appariranno nella selezione di ristoranti e hotel della Guida Michelin in più di 40 Paesi, consultabile gratuitamente su tutte le sue piattaforme digitali.

La notizia si aggiunge all’elenco dei cinque chef argentini che hanno già ottenuto le stelle Michelin in tutto il mondo: Paulo Airaudo ha un totale di sei stelle, attualmente due per Amelia (San Sebastián, Spagna) e una per Noi (Hong Kong), oltre alle due conquistate per Da Terra (Londra, Inghilterra) e un’altra per La Bottega (Ginevra, Svizzera); Mauro Colagreco, lo chef di La Plata che ha collezionato ben 3 stelle per il Mirazur e una per il Ceto (Mentone e Roquebrune-Cap-Martin, in Costa Azzurra); il tandem Carito Lourenço e Germán Carrizo, che hanno ottenuto una stella per il loro lavoro al Fierro (Valencia, Spagna); e Agustín Balbi, che ha ricevuto una stella per il suo lavoro con Andō (Hong Kong).

La serata ha incluso altri riconoscimenti: in totale, 71 ristoranti hanno ricevuto diversi riconoscimenti. La Guida ha evidenziato altri sette ristoranti con il premio Bib Gourmand, che celebra chi offre una cucina di qualità a un prezzo moderato, e molti altri con la Stella Verde, che riconosce il loro lavoro sostenibile. Inoltre, ha selezionato altri 57 ristoranti – 42 a Buenos Aires e 15 a Mendoza – come consigliati. Allo stesso tempo, c’è stato spazio per due premi speciali: Martín Bruno, del ristorante Don Julio, è stato premiato come Sommelier 2024, mentre Tomás Treschanski, prima di ricevere l’ambita stella Michelin, è salito sul palco per ricevere il premio Giovane Chef.