Le procedure per la graduale riapertura degli aeroporti della Giordania sono state annunciate dal governo della Giordania, con la prima serie di voli in arrivo nella prima metà di agosto.

Il 17 marzo gli aeroporti erano stati chiusi per seguire le misure di protezione dal coronavirus, che il Ministro Amjad Adaileh ha dichiarato essere stata una “decisione efficace”, come dimostrato dalla “tranquilla situazione sanitaria e dal basso numero di contagi” nel Regno Hashemita.

I voli saranno aperti a paesi con una situazione di virus simile a quella della Giordania, i più importanti dei quali sono paesi cosiddetti “verdi”, che richiedono procedure semplificate di salute e sicurezza. I “Paesi verdi” comprendono: Austria, Canada, Cina, Cipro, Danimarca, Estonia, Georgia, Germania, Groenlandia, Islanda, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Malesia, Malta, Monaco, Nuova Zelanda, Norvegia, Svizzera, Taiwan e Tailandia.

Il governo sta inoltre lavorando alla classificazione dei paesi “gialli”, che richiedono procedure di quarantena relativamente semplificate, e dei paesi “rossi”, che richiedono procedure supplementari di salute, sicurezza e quarantena.

Il ministro dei trasporti Khalid Saif ha dichiarato: “Sebbene sia importante riprendere i viaggi aerei, la sicurezza dei cittadini è più importante. La riapertura degli aeroporti non implica che la situazione sia tornata alla normalità”.

Ai turisti e ai cittadini verrà chiesto di compilare moduli relativi alla loro situazione, nonché un risultato negativo del test PCR (reazione a catena della polimerasi) che non superi le 72 ore dal momento dell’arrivo in Giordania. I visitatori devono anche scaricare sul cellulare l’applicazione Aman (Sicurezza) prima del volo e devono dimostrare di aver soggiornato in un paese “verde” 14 giorni prima del loro arrivo. Ai cittadini stranieri verrà chiesto di fornire un’assicurazione valida anche in Giordania.

“All’arrivo, i passeggeri dovranno sottoporsi a screening termico e scansione PCR. I visitatori potranno lasciare l’aeroporto quando avranno ricevuto i risultati dello screening e della scansione PCR”, ha detto il ministro.

Jaber ha anche osservato che l’aeroporto avrà 11 unità per i test antivirus e 22 laboratori, con la capacità di condurre 260 test all’ora e 5.000 test al giorno.

Il direttore generale del Jordan Tourism Board, Abdul Razzaq Arabiyat, ha affermato che il turismo è stato uno dei primi settori a riaprire e l’ultimo a chiudere, rilevando che il turismo domestico è stato riaperto, con 36.000 cittadini che si sono registrati con le piattaforme Jannaj.Jo.