King Holidays fronteggia uno dei periodi più neri della storia recente del turismo agendo su due fronti: da un lato, in ottemperanza al DPCM del 9 marzo, ha già sospeso tutte le partenze fino al 3 aprile, provvedendo a proprie spese al rimpatrio dei clienti in viaggio, attraverso i collegamenti aerei ancora disponibili. Dall’altro, si prepara alla ripresa, annunciando l’integrazione gratuita della polizza annullamento (il cui valore è pari al 3,5% del totale pratica) su tutte le prenotazioni effettuate entro il 30/4 per viaggi in partenza dal 3/4 al 31/12. Contemporaneamente, il Tour Operator offre una polizza complementare “zero pensieri”, pensata proprio in caso di disagi legati ai controlli sanitari sul luogo di vacanza.

Così King Holidays spiega in una nota le azioni messe in campo per fronteggiare l’emergenza coronavirus.

Per ogni partenza sospesa – continua il to – le agenzie di viaggi riceveranno un voucher di valore pari all’importo già versato, con validità di 365 giorni dalla data di emissione: il voucher potrà essere utilizzato per effettuare una nuova prenotazione non appena sarà terminata la situazione di emergenza. Le prenotazioni con partenza successiva al 3 aprile 2020 sono per il momento soggette alle normali condizioni di contratto, anche se sono allo studio una serie di accordi speciali con i fornitori per fronteggiare l’eventuale protrarsi dell’emergenza.

Americo de Sousa, general manager King Holidays, dichiara: “Vogliamo rassicurare gli agenti di viaggio e i loro clienti, garantendo sin d’ora la nostra totale collaborazione. Il nostro staff è operativo a pieno regime per tutte le procedure di riprotezione e cancellazione ed è a disposizione delle agenzie per fornire il supporto informativo necessario. Siamo in contatto con le autorità competenti per monitorare l’evoluzione dei fatti e delle disposizioni governative, tanto in Italia quanto all’estero. Affrontiamo insieme questa nuova sfida: sono certo che ne usciremo, come è già successo in passato, ancora più forti di prima”.