In questa situazione di emergenza, KiboTours ha fatto la scelta etica di sospendere programmazioni e promozioni.

“In questo momento – spiega il managing director di KiboTours Roberto Narzisi – e a queste condizioni comprendiamo l’inopportunità del pensare al prenotare le vacanze. Abbiamo quindi deciso di sospendere le iniziative promozionali in questa fase anche se tengo a dire che noi siamo in ogni caso pienamente operativi, in regime di smart working e a disposizione per poter fornire informazioni”.

“Attualmente concentriamo le nostre energie sulla nostra community – dice Narzisi – sui nostri partner e sui viaggiatori, che ci possono seguire sul sito, sul blog e sulla app. Abbiamo diverse rubriche con le quali ci teniamo in contatto. Siamo appena partiti con KIDS in Tour, schede dedicate agli animali e alla natura, che possono essere fruite anche dai bambini, e proseguiamo con le nostre curiosità dal mondo. Un modo per documentarsi e comprendere l’importanza del rispetto del nostro pianeta, che torneremo a visitare. E anche i viaggiatori, che ora non possono prendere il trolley e partire, possono partecipare”.

“Nella nostra terza rubrica Key Words – chiarisce Narzisi – diamo spazio ai contributi di chi desidera condividere con noi il proprio diario o itinerario di viaggio. Si può partecipare scrivendo a travel@kibotours.com, i nostri esperti rielaborano i contenuti più interessanti per farli diventare esperienze, che possono essere ripercorse anche da altri viaggiatori”.