Il Messico coloniale di Marcelletti in un fam trip

152

Marcelletti Tour Operator in collaborazione con Alitalia e l’Ente del Turismo del Messico ha organizzato un fam trip nel Messico coloniale.

Al viaggio hanno partecipato anche le agenzie vincitrici del viaggio, premio messo in palio durante le serate dedicate alla destinazione Messico tenutesi a Roma lo scorso mese di giugno.

Il Presidente Guido Chiaranda ha dichiarato: “Abbiamo tenuto fortemente alla realizzazione di questo viaggio per far conoscere una parte del Messico che, a nostro avviso, è sempre rimasta un po’ nascosta; il periodo Coloniale viene rappresentato in tutto il suo splendore dalle città toccate dall’ itinerario, impreziosite dai suggestivi scenari naturali che le rendono dei veri gioielli d’epoca. Il nostro must è da sempre l’alto livello dei servizi proposti affiancati dall’affidabilità dei nostri Uffici Locali”.

Il fam trip è partito il 28 ottobre e rientrato il 7 novembre. Le località visitate sono state Città del Messico con una visita della città e di Teotihuacan; San Miguel de Allende, culla di molti artisti che vi si stabilirono per la sua scuola delle Belle Arti; Guanajuato, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 1988 e famosa per i suoi giacimenti di oro e di argento. Gli agenti hanno avuto la possibilita di partecipare ai suggestivi festeggiamenti del “Dia de los Muertos” la famosa Callejonada;  Queretaro, con la sua imponente Chiesa di S. Francesco; Morelia, e le sue costruzioni in pietra rosa;  Patzcuaro, famosa per i suoi raffinati lavori artigianali in rame, il “cobre”. Il viaggio è terminato a Città del Messico dove si è visitato la Casa Museo di Frida Kahlo, figura emblematica e di maggiore espressione della cultura messicana ed il Museo di Antropologia.

Un paio di appuntamenti hanno reso speciale questo viaggio: la visita ai vigneti “La Redonda” nei pressi di San Miguel de Allende ed il pranzo al ristorante “La Conspiracion 1806” a Morelia, dove si è gustata la cucina d’ alto livello della chef Cynthia Martinez.