Il meglio del Madagascar racchiuso in un unico catalogo. Con itinerari che propongono il sud o il nord ma anche tutto il Paese e soggiorni mare per niente banali, con selezione minuziosa di strutture che mettono in risalto i valori più importanti dell’isola: l’autenticità e la varietà naturale.

È questo il biglietto da visita de Il Diamante, operatore di Quality Group, per l’edizione 2019 del catalogo dedicato al Madagascar, in distribuzione nelle agenzie di viaggi.

“Il 2018 è stata un’ottima annata per quanto riguarda il Madagascar, con un forte incremento sulle vendite dei viaggi alla scoperta del Paese. Siamo l’unico tour operator a proporre un catalogo monografico e sicuramente nei primi posti in classifica tra gli operatori che propongono itinerari naturalistici e culturali e tailormade in Madagascar. Tutta la nostra programmazione si basa su tour individuali con partenze garantite minimo 2 persone, con auto privata con autista che parla francese e guida privata in italiano; per alcune partenze le date sono aperte ed è possibile che si creino dei piccoli gruppi con relativa diminuzione della quota di partecipazione. A Pasqua e in agosto, ci sono due date di partenza di gruppo per massimo 16 persone. I voli giornalieri dall’Italia sono a cura di Ethiopian Airlines per Anatananarivo via Addis Abeba; la compagnia propone anche un volo da e per Nosy Be”, commenta Laura Schiappacasse, Product Manager.

Il viaggio più venduto del sud del paese è “Il Mosaico del Madagascar”, di 9 giorni/7 notti, che parte da Antananarivo scendendo lungo la spina dorsale dell’isola, attraversando zone verdi, risaie e foreste pluviali fino a giungere al Parco Isalo, con il suo paesaggio da savana fino ad arrivare a Tulear, sulla costa ovest e proseguire in volo per Antananarivo. In alternativa, si può optare per una estensione mare, con sistemazione in boutique hotel sulla costa sud del Paese, vicino a villaggi di pescatori in un’atmosfera molto autentica.

Ma sono tante le proposte per visitare il paese. Come “Babakoto, tra foreste e fiumi dell’est”, di 12 giorni/9 notti, che prevede la visita del parco di Analamazaotra dove si può vedere il lemure più grande del mondo, l’Indri Indri e il passaggio delle balene e si termina con un soggiorno all’isola di Sainte Marie, circondata dalla barriera corallina. Tutti i viaggi nel sud del Madagascar organizzati da Il Diamante prevedono un passaggio all’orfanatrofio di Suor Pascaline. Un parte degli introiti dell’operatore è devoluto alle suore.

Il viaggio più venduto del nord del paese è “L’isola dei profumi”, di 10 giorni/7 notti,  che da Nosy Be tocca anche le piantagioni di cacao e quelle di ylang ylang di Diego Suarez (Antsiranana) le baie dei Piccioni, delle Dune e di Orangea, il Parco della Montagne d’Ambre, dove si trovano ben sette specie diverse di lemuri e tantissimi tipi di volatili, Nosy Komba, detta anche l’isola dei lemuri.

Il tour che propone la visita sia del nord sia del sud del Paese è “Il Gran Tour del Madagascar” di 15 giorni.

Novità è “Profondo Sud” di 13 giorni/10 notti, che si svolge tutto in 4×4 nella parte meridionale dell’Isola, incontrando le etnie Antandroy e Antanosy. Si passa per Fort Dauphin, fondata nel 1643, la baia di Lokaro, dove si vedono le tartarughe marine, la riserva di Nahampoana, con numerosi lemuri, il villaggio di Lavanono, che si raggiunge percorrendo strade di sabbia e dune, Ambola, Anakao e Tulear. I resort sono semplici ma puliti e il tour è adatto agli spiriti più avventurosi. Stesso discorso per “Naturalmente Madagascar” di 19 giorni/17 notti, ideale per una clientela sportiva, con trekking e discese di fiumi.

Il Diamante propone poi dei tour di gruppo in condivisione con partenze settimanali da maggio a ottobre, consigliati a chi viaggia da solo per contenere i costi o chi ama viaggiare in compagnia.

Per quanto riguarda il mare, Il Diamante punta a zone meno conosciute del paese rispetto a Nosy Be, che sicuramente offrono autenticità e fascino. Tra le strutture, l’ecolodge Mamirano Lodge, ad Ambatomilo, una delle più belle spiagge dell’isola, sulla costa sud occidentale, gestita da un’italiana, con camere semplici ma con servizio curato e una ottima cucina. Oppure il Laguna Blu, di  Andavadoaka, sulla spiaggia di Ampasilava, a 3 chilometri da un villaggio di pescatori, con soli 14 bungalow sul mare. Entrambe le strutture sono indicate per chi vuole veramente una vacanza in assoluta tranquillità e fuori dal mondo, ed è disposto per raggiungerli, a un transfer in 4×4 su pista sabbiosa di 4 ore.

Sulla costa nord, Il Diamante propone un posto non per tutti, Le Zahir de l’Ile, a Nosy Iranja, l’isola delle tartarughe, con la sua forma inconfondibile, due isole unite tra loro da un lembo di sabbia bianca. La struttura, a gestione italiana, offre bungalow semplici e si trova vicinissimo a un villaggio di pescatori. Ideale per chi mette al primo posto la natura e il mare, senza troppe pretese.

Di tutto altro genere a Nosy Komba, lo Tsara Komba Lodge, un posto esclusivo che soltanto una struttura che fa parte di Eco Luxury può offrire: solo 8 bungalow integrati nella ricca vegetazione locale, uno diverso dall’altro.

Per chi sceglie Nosy Be, Il Diamante propone il Vanila Hotel & SPA, molto grazioso, inserito in un bel giardino tropicale e di fronte alla isola delle orchidee, Nosy Sakatia, facilmente raggiungibile e con un mare incantevole.

Infine per i viaggi di nozze, ideale è Manga Soa Lodge, in legno di palissandro e con vista eccezionale sul mare, mentre per chi cerca il lusso, l’Anjajavy Le Lodge, nella riserva di Anjajavy, un Relais et Châteaux con 25 bungalows in un contesto naturale unico e servizio di alto livello.