Moretti (Fs): Passera è garanzia, sarà imparziale e meglio di altri

50

Il nuovo ministro dello Sviluppo economico e delle Infrastrutture, Corrado Passera è una “garanzia” e “saprà essere imparziale meglio di altri”. È questa la convinzione dell’amministratore delegato delle Fs Spa Mauro Moretti interpellato sul presunto conflitto di interessi del quale si è parlato al momento della nomina di Passera che, da Ceo di Intesa SanPaolo, è stato uno dei registi dell’operazione che ha portato alla nascita di Ntv, la nuova impresa ferroviaria che presto sfiderà le Ferrovie dello Stato sui binari dell’alta velocità. “Il ministro Passera – ha sottolineato Moretti parlando a Napoli a margine della presentazione dei nuovi livelli di servizio del Frecciarossa – è una garanzia perché è una persona intelligente e, come tale, saprà essere imparziale meglio di altri. Meglio di altri saprà affrontare i problemi di reciprocità e – ha insistito ancora Moretti – meglio di altri saprà farsi carico della salvaguardia dell’industria nazionale”. A chi gli chiedeva se già è in agenda un incontro con Passera, Moretti ha risposto dicendo che già lunedì prossimo, in occasione dell’inaugurazione della nuova stazione di Roma Tiburtina, sarà presente anche il Ministro. Quanto ai dossier che le Fs Spa intendono affrontare con Passera, “abbiamo una lista lunghissima”, ha sottolineato Moretti. Questa lista sicuramente prevederà il nodo delle risorse destinate al trasporto ferroviario regionale. “Abbiamo risanato l’impresa – ha detto nel suo intervento di presentazione del nuovo Frecciarossa – senza un solo centesimo di ricapitalizzazione. Ora abbiamo il problema del trasporto locale. Credo sia impossibile pensare che non si trovino i soldi per il trasporto regionale dal primo gennaio prossimo. Anche perché – ha spiegato – tutta quella gente sarebbe un peso insostenibile verso le città. Noi – ha proseguito Moretti – abbiamo fatto investimenti da 2,5-3 miliardi. Abbiamo pronta una gara da 1 miliardo per treni regionali. Anche questo è un modo per fare impresa e creare ricchezza”. E proprio a proposito della gara per i treni regionali, l’amministratore delegato di Trenitalia Vincenzo Soprano ha ribadito che la gara potrà partire “quando avremo la conferma che le Regioni sono in grado di rispettare i contratti”.