L’International Gay & Lesbian Travel Association (Iglta) ha scelto Madrid come sede della convention mondiale del turismo omosessuale che si terrà nel 2014, preferendo il capoluogo spagnolo ad altre città come Stoccolma, Zurigo e Cannes. Secondo il Segretario Generale di Turismo e Commercio Joan Mesquida, “la Spagna si contraddistingue per avere sei destinazioni LGBT consolidate, e cioè Madrid, Barcellona, Ibiza, Gran Canaria e Torremolinos, località di gran peso turistico per il settore giacché rappresentano il 10% del turismo globale verso la Spagna”. Fra le caratteristiche che hanno influito nella scelta di Madrid si trovano il carattere aperto ed integratore della città, il fatto di aver un quartiere modello di convivenza culturale come Chueca ed il fatto di organizzare una delle più prestigiose feste dell’orgoglio gay. L’incontro del 2014 radunerà a Madrid più di mille opinion leaders del settore LGTB che, secondo l’azienda Diversity Consulting che ha presentato e sviluppato il progetto di candidatura del capoluogo spagnolo insieme ad altre associazioni non governative, camere di commercio e settore privato, rappresenta un 10% del turismo mondiale ed un 15% della spesa turistica. Il Comune di Madrid ha annunciato che da gennaio 2012 a giugno 2014 rafforzerà l’offerta culturale e le attività per questo collettivo. La Iglta, unica associazione appartenente all’Organizzazione Mondiale del Turismo, ha più di 5.000 aziende ed istituzioni associate ed è presente in più di 160 Paesi.