La prossima settimana la Commissione europea lancerà alcuni progetti per rafforzare la rete dei trasporti dell’Ue e renderla più sostenibile. Le regioni e le città beneficiano delle reti di trasporto e spesso contribuiscono a progettarle ed a finanziarle. Per far sì che la voce di questi enti sia ascoltata fin dalle prime fasi, il Comitato delle regioni ha invitato i presidenti delle regioni, i sindaci ed i soggetti interessati a partecipare ad un Forum che si etrrà il 30 marzo a Bruxelles. Ogni anno l’Unione europea investe miliardi di euro nella rete di trasporto transeuropea. Collegando i principali agglomerati urbani ed i centri di sviluppo economico, la politica europea dei trasporti contribuisce al buon funzionamento del mercato interno. Al tempo stesso, i trasporti rivestono una grande importanza anche per la pianificazione regionale. La politica dei trasporti dell’Ue, spiega il Comitato delle regioni, deve quindi contribuire ad un maggiore equilibrio economico tra le regioni consentendo la libera circolazione delle persone e dei beni, specialmente tra le regioni remote o meno sviluppate ed i principali centri economici. Nel corso del Forum, politici ed esperti delle regioni e città europee avranno una prima opportunità di partecipare al dibattito in base alle novità proposte con un Libro bianco della Commissione sui trasporti. In seguito, nell’ambito di tre workshop paralleli, esperti e rappresentanti del mondo accademico dibatteranno dell’impatto esercitato dalla politica dei trasporti sulla competitività delle regioni ed affronteranno gli aspetti connessi della governance e del finanziamento.