Giamaica, nuove strutture in arrivo

192

Dopo la recente apertura dell’Excellence Oyster a Falmouth, la Giamaica si prepara ad ospitare due nuove strutture nel 2019. “Sono previste le aperture dello Spanish Court a Montego Bay e del Caribbean Place nella seconda metà dell’anno nuovo”, annuncia Elisa Eterno, account manager di Interface Tourism Italy, che rappresenta l’ente del turismo giamaicano in Italia.

Terminato da poco un fam trip con venti agenti di viaggi tornati entusiasti, un altro è in programma come conseguenza dell’e-learning estivo. “A giugno ci sarà una piattaforma con sei moduli e test finale su quanto appreso – spiega Eterno – Questo ci permetterà di selezionare gli agenti per il prossimo educational”. Aumentano del 6%, intanto, gli arrivi italiani sull’isola nel periodo gennaio-luglio 2018, che ha fatto registrare 8.400 connazionali. “Il dato diventa +15% se confrontato con gli stessi mesi del 2016, quindi possiamo parlare di una crescita costante nel tempo – commenta Eterno – La parte del leone è giocata dai viaggi di nozze perché la Giamaica è un combinato perfetto con gli Usa e vanta connessioni molto buone. Non è però una destinazione di solo mare, visto che è possibile fare passeggiate a cavallo e trekking sulle montagne tra le più alte dei Caraibi, per non parlare della gastronomia. L’isola si presta a proposte non convenzionali da parte dei tour operator”.

A questo proposito vi è una numerosa e variegata offerta dei principali protagonisti del mercato, da Francorosso a Press Tours passando per Veratour, cui si sommano operatori come Alidays e Idee per Viaggiare, dal target di spesa maggiore e che cerca un prodotto più ‘su misura’. “Per la Giamaica l’Italia è il terzo mercato dopo Regno Unito e Germania – conclude Eterno – Riteniamo premiante la scelta di Neos di investire sull’isola da Milano Malpensa con un Dreamliner, che in inverno raddoppierà da Verona”.