Entusiasmo per il nuovo Osservatorio

149

Pippo Russotti lrÈ in pieno corso la raccolta dati dell’Osservatorio italiano dei congressi e degli eventi, il nuovo studio statistico sulla meeting industry italiana a cura di Aseri (Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali, diretta dal prof. Vittorio E. Parsi) realizzato grazie ad un accordo tra Federcongressi&eventi e Università Cattolica. L’Osservatorio italiano dei congressi e degli eventi, affidato al gruppo di ricerca coordinato da Roberto Nelli, ha l’obiettivo di fornire informazioni utili ed affidabili alle imprese della meeting industry italiana ed alle istituzioni, intende censire la quantità e la tipologia delle strutture disponibili in Italia e misurarne la produzione. Un successivo obiettivo di grande importanza è la misurazione delle ricadute economiche degli eventi sulle destinazioni. Lo studio si avvale di una poderosa banca dati relativa alle strutture italiane che ospitano eventi: in totale oltre 9.000 recipienti. La ricerca, riferita all’anno 2014, sarà pubblicata e presentata in autunno e sta incontrando il sostegno e l’entusiastica partecipazione di numerosi manager di alberghi e centri congressi, che nelle scorse settimane hanno compilato il questionario consentendo, dopo soli 19 giorni dalla somministrazione delle domande, un risultato incoraggiante: siamo già arrivati al 50% delle risposte necessarie alla realizzazione dell’indagine. In questa cornice si inserisce la dichiarazione di un grande esponente dell’industria alberghiera italiana, Pippo Russotti (nella foto), direttore del Milan Marriott Hotel. “L’Osservatorio italiano dei congressi e degli eventi è un’iniziativa meritoria e necessaria – ha affermato – Una volta a regime, diverrà uno strumento irrinunciabile per ogni decisione strategica da parte sia di noi operatori sia dei clienti, e si imporrà quale unico studio capace di descrivere il mercato nella sua globalità. Compilare il questionario richiede certamente un (piccolo) sforzo, ma è a nostro avviso essenziale per migliorare il mercato e i servizi nel nostro importante settore”.