Centro congressi Città della ScienzaTra le più importanti novità della prima assemblea di Convention Bureau Italia c’è la definizione delle tariffe e delle condizioni ad hoc per favorire l’ingresso delle catene alberghiere, importanti partner per la promozione del brand Italia, e la classificazione delle destinazioni in base alle caratteristiche strutturali ed all’appeal. Per rispondere alle esigenze di molti operatori privati che, in destinazioni strategiche, non sono rappresentati da un Convention Bureau territoriale ma che desiderano collaborare con il Convention Bureau Italia, è stato inoltre presentato e condiviso il progetto dei club di prodotto by CBI e sono stati individuati i progetti pilota che verranno da subito portati avanti. Il progetto in quest’ottica potrà anche essere di supporto e fare da volano per la costituzione di Convention Bureau territoriali ufficiali e nel frattempo consentirà a Convention Bureau Italia di promuovere verso l’estero un numero sempre crescente di destinazioni italiane. Ampia discussione c’è poi stata sul programma promozionale 2015 illustrato dal sales & marketing manager Tobia Salvadori che, oltre a vedere Convention Bureau Italia accanto ad Enit nella promozione del brand Italia alle tre fiere internazionali tradizionali, prevede un’interessante selezione di manifestazioni ed eventi b2b creati ad hoc per i soci ed aperti anche ai non soci a tariffe differenziate. Grande la soddisfazione dei soci e grande fiducia in una continua crescita della rete, che vanta già numerose richieste di adesione per il 2015 che verranno formalizzate dal notaio a Firenze il prossimo 12 febbraio.