Giorgio PalmucciIl primo quadrimestre del 2015 si è chiuso con una sensibile ripresa del settore. Secondo il dato medio elaborato dall’Osservatorio di Associazione Italiana Confindustria Alberghi, che rileva le performance delle principali compagnie alberghiere, a fronte di un tasso di occupazione stabile (+0,2% rispetto allo stesso periodo del 2014), si è registrato un incremento del RevPar del 3,6%. La Festa della Repubblica, di martedì, ha sicuramente contribuito a migliorare i risultati del recente passato. A fronte della costante presenza di clientela straniera, gli italiani hanno approfittato del ponte legato al 2 giugno per una breve vacanza presso le strutture alberghiere, con un +8% rispetto alla festività 2014. L’estate, previsioni alla mano, sembra confermare un incremento delle prenotazioni e la vetrina di Expo può fungere da moltiplicatore per risultati vicini alle performance medie europee. “I primi segnali legati alla ripresa del settore ci confortano, anche se è presto per crogiolarsi sugli allori – dichiara Giorgio Palmucci (nella foto), presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi. Con l’avvio della bella stagione la destinazione Italia si conferma una meta apprezzata dagli stranieri ed il ritorno della clientele domestica è un segnale incoraggiante. Siamo ancora lontani rispetto ai risultati dei nostri competitors d’oltralpe e la prossima sfida sarà cavalcare l’onda della bella stagione e degli eventi legati ad Expo per accorciare le distanze rispetto all’offerta internazionale”.