A Fiumicino circa 1,6 mln passeggeri tra Natale ed Epifania

125

È di circa 1,6 milioni, stando alle previsioni, il numero dei passeggeri che, nel periodo delle festività (da venerdì 22 dicembre a domenica 7 gennaio), sarà transitato all’aeroporto di Fiumicino.

Un volume di presenze per le quali le mete preferite sono quelle intercontinentali – America ed Estremo Oriente – con una crescita del 20% rispetto allo scorso Natale. Molti sono poi i nuovi collegamenti avviati nel corso dell’anno e confermati come location ambite per le vacanze.

Sul fronte delle destinazioni, il Nord America è senz’altro la meta che, grazie al lancio dei nuovi voli di Norwegian verso New York e Los Angeles e al forte contributo di American Airlines con l’apertura, a maggio, del volo per Dallas operato con Boeing 777-200, registra i volumi di crescita più significativi (+20,9%). Importante anche l’ascesa (+16%) del Centro-Sud America (in particolare Argentina, Cile e Messico). Si conferma inoltre la scelta del fascino delle città orientali con rafforzamento su città già servite sul versante coreano (Seoul) e con nuove mete raggiungibili da Roma (Malè). Ed è proprio questo segmento di traffico dei voli internazionali, in particolare l’extra Schengen e il lungo raggio, che sta facendo registrare un forte aumento arrivato a novembre a +8,6%.

Tra i passeggeri in partenza, anche interi nuclei familiari che, con passeggini e figli piccoli al seguito, hanno scelto la Lapponia, Rovaniemi, con voli via Helsinki, per andare a visitare il Villaggio di Babbo Natale. Non mancano, infine, le crociere sul Danubio e sul Volga, attraverso voli diretti a Vienna, Budapest, Mosca. Gettonata anche la Russia, con S.Pietroburgo in testa; il Kenya; Zanzibar; Cuba e S.Domingo. Infine, per quanto riguarda il Vecchio Continente, in vetta alle preferenze ci sono Regno Unito e Spagna.