Si è conclusa a Cinecittà World la prima edizione di ‘Stelle di fuoco’, il Campionato italiano di Fuochi d’Artificio da Oscar. Il più grande appuntamento pirotecnico in Italia ha illuminato per tre serate il cielo del Parco divertimenti del Cinema e della Tv di Roma:  30mila persone hanno alzato gli occhi verso il cielo per assistere ai suggestivi spettacoli in gara.

I fuochi di tipo tradizionale e piro-musicale, sincronizzati sulla musica delle grandi colonne sonore del cinema, si sono alzati per oltre 300 metri, visibili da Roma e fino al mare, in un raggio di oltre 30 km. Impressionanti i numeri degli show proposti: da 4.000 mortai, gestiti da moderni software di lancio radiocomandati, hannp sparato oltre 20.000 fuochi, che si sono sentiti fino a 20km di distanza, per un consumo di oltre 3.000 kg di polvere da sparo a spettacolo.

“La potenza dei fuochi è stata pari a 400.000 lampadine accese” – ha spiegato l’amministratore delegato di Cinecittà World, Stefano Cigarini – “ e hanno creato una barriera di luce ed effetti che è rispecchiata nei grandi set cinematografici del Parco”.