Hotel, tre nuovi brand per Marie Danielle

78

Sensibile alle nuove tendenze, Marie Danielle, azienda di distribuzione di prodotti cortesia per l’hotellerie, ha introdotto nel mercato italiano tre nuovi brand di life style già rinomati a livello internazionale.

NAIF, Le Labo e Byredo sono i nomi delle amenities collection che vanno ad arricchire il catalogo Marie Danielle nella sezione Top Brands. Tutte presentano un elemento distintivo: quello di avere una identità unica e, proprio per questo, di riuscire a far vivere emozioni speciali agli ospiti degli hotel.  NAIF è una linea naturale dedicata a neonati e bambini. Il suo claim è  ‘ci prendiamo cura dei bambini dalla punta dei capelli alla punta dei piedi. E di tutto ciò che c’è in mezzo’. NAIF è prodotta in Olanda, con la supervisione di laboratori svizzeri. La linea è dermatologicamente testata, ipoallergenica e senza allergeni nel rispetto del pH della pelle.

La seconda, Le Labo, è un nome già conosciuto tra gli estimatori di profumi di nicchia. Creata nel 2006 da Eddie Roschi e Fabrice Penot, è una linea in cui l’etica viene prima del profitto e i valori prima dell’immagine. La filosofia dei suoi fondatori è quella di puntare alla sostanza e alla qualità oltre che all’aspetto esteriore delle cose. In un mondo dove i profumi di lusso sono prodotti di massa, venduti in luoghi che sembrano supermarket, dove le campagne pubblicitarie cercano di convincere i consumatori di essere persone uniche, anche quando la loro stessa fragranza è indossata da milioni di persone sul pianeta, Le Labo ha creduto fosse possibile percorrere una strada diversa: ha voluto dare una nuova interpretazione alla profumeria creando un laboratorio aperto al pubblico. I profumi sono preparati al momento effettuando la miscelazione finale degli olii essenziali in acqua e alcool, oppure arrivano freschi di imbottigliamento fatto a mano dalla boutique di Londra già pronti per l’utilizzo.

Terza, ma non per importanza Byredo, una casa di profumi di Stoccolma, fondata nel 2006 da Ben Gorham. Il suo è uno stile unico e molto personale che trova legami e linfa vitale nel mondo della moda e dell’arte. Bal d’Afrique è la fragranza scelta: un caldo e romantico vetiver ispirato alla Parigi della fine degli anni 20 e alle sue contaminazioni con la cultura Africana in tutte le sue forme: arte, musica e danza.