Le aspettative dei viaggiatori sono cambiate. I clienti sono sempre più focalizzati sulle esperienze alberghiere che rispettano le persone e il mondo che li circonda. Sull’onda delle nuove tendenze, Accor presenta greet, una nuova offerta di ospitalità alternativa e turismo sostenibile, che combina il rispetto ambientale con un approccio socialmente responsabile per i viaggiatori.

Il nuovo marchio è basato sul senso di comunità, responsabile verso il mondo e non standardizzata: greet ha l’obiettivo di rispondere alle esigenze dei viaggiatori che stanno cercando di dare valore ai loro acquisti e sono consapevoli del loro impatto sul pianeta.

Celebrando la filosofia di donare e dare una seconda possibilità alle cose e alle persone, greet invita i loro ospiti a condividere momenti ed esperienze. Rappresenta un ritorno ai valori essenziali, al piacere di essere e divertirsi insieme, in un contesto più informale.

Portavoce dei valori di Accor, greet è al servizio di consumatori, partner e investitori alla ricerca di un’avventura alternativa, che includa un’ospitalità non standardizzata aperta al mondo. Sebbene la diversità sia il segno distintivo del suo approccio progettuale, il brand mantiene la sua identità unica: uno dei punti di forza del marchio è la libertà e la grande flessibilità che offre ai proprietari degli hotel sotto il suo stendardo. Le uniche linee guida imprescindibili sono l’inclusione di una serie di funzioni chiave, tra cui il logo nelle aree comuni, un grande tavolo per condividere momenti speciali e garantire che il 20% delle camere possa ospitare da 4 a 6 persone. Ogni proprietario dell’hotel è libero di esprimersi attraverso le  modalità che preferisce. Ad esempio: recuperando oggetti acquistati tramite reti di seconda mano o da fornitori eco-responsabili, riciclando oggetti decorativi insoliti o rivisitando questi materiali per riutilizzarli e dare loro una seconda vita.

L’attenzione è rivolta all’ottimizzazione di ciò che già esiste per dare nuova vita agli hotel e creare luoghi caldi e amichevoli. Per Franck Gervais, CEO Europe Accor, “fin dalla sua creazione, Accor è sempre stata attento alle esigenze dei suoi partner e affiliati. Attraverso il nostro piano di espansione del nostro portfolio di marchi, lanciato da Sébastien Bazin, manteniamo il nostro impegno a offrire sempre esperienze indimenticabili ai nostri clienti, supportando contemporaneamente la nostra rete di affiliati. Con il lancio di greet, il nostro obiettivo è semplicemente quello di fornire una soluzione ideale ai proprietari di hotel indipendenti offrendo un marchio che combini la riqualificazione delle strutture alberghiere esistenti con il controllo dei costi, sia in termini di rinnovamento che di riprogettazione degli spazi”.

Con l’apertura del suo primo hotel nel cuore della Borgogna nell’aprile di quest’anno, il marchio “delle seconde possibilità” ha mostrato un vero e proprio desiderio di crescita. Sono in programma molte aperure di altre sedi, in particolare a Marsiglia (St Charles et Aéroport), Lione Perrache, Parigi, St-Witz, Rennes, Bourges e St-Germain-en-Laye.

Accor Group auspica di aprire 300 hotel a marchio greet in tutta Europa entro il 2030. La rete si estenderà rapidamente a varie destinazioni europee, con la città tedesca di Darmstadt che accoglierà nei prossimi mesi il primo hotel fuori dalla Francia.