Proseguendo sulla scia di un’estate archiviata con numeri incoraggianti, anche la stagione autunno-inverno di Guiness Travel sta riscontrando un ottimo trend di prenotazioni.

“Alcuni itinerari programmati per Capodanno sono già sold-out, altri ancora vicini al massimo riempimento, a prescindere dalla destinazione e dai giorni a disposizione. Anche per quanto riguarda il primo trimestre 2023 proseguono le vendite, approfittando di una ampia disponibilità di tour in Italia, Europa e Mondo. La voglia di viaggiare e di trascorrere le festività altrove è molto forte, al netto di una situazione geopolitica e finanziaria ancora incerta” – spiega Roberto Vocaturo, executive assistant product manager Guiness.

Intercettare questa rinnovata tendenza a viaggiare diventa quindi la sfida più importante sul tavolo dei tour operator, da coniugare necessariamente con la parola chiave “programmazione”.

In questo quadro si inserisce la realizzazione del nuovo catalogo “Il Viaggio Guiness” 2023, che prenderà avvio dalla primavera del prossimo anno fino a marzo 2024. Il modello ispiratore è quello che l’operatore segue saldamente da 33 anni: itinerari esclusivi con accompagnatore in partenza dall’Italia, con contingenti in allotment acquistati sui voli e sui servizi a terra e prezzi finali garantiti anche per prenotazioni sottodata.

“La nostra filosofia di viaggio è ormai ben definita e, pur accogliendo le nuove esigenze e le domande del mercato, non si snatura né cede a compromessi: molti itinerari, sottoposti a un’operazione mirata di restyling ma mantenendo la grande cura verso i dettagli e i contenuti culturali, si arricchiranno di degustazioni, cooking class, ottime combinazioni aeree e possibilità di match con viaggi in bus in partenza da tutta Italia” – precisa Vocaturo.

Nuove destinazioni faranno il loro ingresso nel ventaglio dell’offerta Guiness, come per esempio l’arcipelago delle isole Canarie e un bellissimo combinato Israele- Giordania Prestige di 10 giorni che ambisce a diventare un best-seller nei viaggi a medio raggio.

Un sapiente lavoro quasi artigianale di ricerca e affinamento dei servizi, che necessita di una sinergia totale e di un’attenta pianificazione che parte a monte dalla stretta collaborazione con gli enti del turismo e vettori aerei, proseguendo poi a valle con l’intermediazione delle ADV e tutte le attività di marketing e di interazione con il trade.