Continua la crescita e lo sviluppo di Garibaldi Hotels che negli ultimi 4 anni ha triplicato il fatturato e il numero di strutture e chiude il 2019 con un altro segno +. Il Gruppo alberghiero ottiene buone performance arrivando ad un fatturato di 10,5 milioni come da previsioni e con 12 strutture in Puglia, Sicilia, Sardegna, Lazio, Trentino. Dopo un risultato positivo per la stagione estiva (crescita del fatturato del 10%, rispetto al 2018)  anche la montagna segue il trend positivo.

“ Ad  oggi registriamo un incremento sul fatturato di ciascuna singola struttura variabile tra il 5 ed il 12%, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Una nota positiva è arrivata dal canale Gruppi Italia dove abbiamo rilevato un aumento del fatturato del 20%, su questo specifico target, rispetto allo scorso anno”, dichiara Fabrizio Prete, Direttore Generale Garibaldi Hotels.

L’importante ristrutturazione dell’hotel Monzoni in Val di Fassa – che si è conclusa a fine anno – ha portato la società a rivederne il posizionamento attraverso un graduale incremento delle tariffe (quest’anno l’aumento medio è del 5%) per allinearle al prodotto che viene proposto oggi sul mercato. L’hotel  si presenta, infatti,  con uno stile più contemporaneo dopo che tutte le camere sono state totalmente rinnovate sia a livello strutturale che di design.

Le vendite per la stagione estiva 2020 sono partite a dicembre, al momento si registra una crescita rispetto allo stesso periodo dello scorso anno grazie ad un incremento delle prenotazioni provenienti da web agency mentre registra  una leggera flessione il settore agenzie e TO.

Il gruppo si prepara all’apertura della new entry in Sardegna, il Santina Resort & Spa**** situato a Valledoria, nella costa settentrionale dell’isola. “Stiamo ultimando i lavori per questa struttura di nuova costruzione su cui abbiamo grandi aspettative per la prossima stagione”, continua Prete.  Il progetto prevede 76 unità abitative tra suite e camere, un importante centro benessere, ristorazione e bar, sale meeting e riunioni, piscina e spiaggia privata.

“Siamo in continuo fermento e non ci fermiamo qui: stiamo, infatti, valutando l’apertura di una nuova destinazione mare questa volta in Calabria e vagliamo con interesse una nuova iniziativa immobiliare in montagna”, conclude Prete.