Garibaldi Hotels spegne 10 candeline. Un compleanno importante celebrato a Lecce, presso l’Hilton Garden Inn, ultima struttura alberghiera entrata a far parte del Gruppo. Una serata di festa –  tra spettacoli e performance artistiche –  e di condivisione per ringraziare chi ha contribuito e reso possibile questo primo traguardo ripercorrendo,  sotto il fil rouge “Un luogo come nessun altro”,   i luoghi e il cammino per arrivare ad oggi. Una tappa significativa il numero 10 che mette il sigillo sull’anno positivo registrato: la stagione estiva si è, infatti, conclusa con fatturato in crescita del +21% rispetto al 2019, pre-Covid.

Ma la crescita e l’espansione  ha accompagnato il gruppo alberghiero in tutti i primi 10 anni di attività arrivando a contare oggi 11 strutture che accolgono ogni anno migliaia di ospiti in Puglia, Sicilia, Sardegna, Umbria, Lazio e Trentino.

Tutto parte dalla Puglia nel 2013, quando  Egidio Ventimiglia e Fabrizio Prete fondano Garibaldi Hotels iniziando la loro avventura con la gestione del primo villaggio, il Campoverde Village (Vernole,LE). Nasce così la società che i due fondatori decidono di chiamare Garibaldi Hotels in onore del primo progetto creato insieme: la gestione del Garibaldi Café & Restaurant a Ostuni.  Ma l’obiettivo è sempre stato quello dell’ospitalità e con determinazione, coraggio, passione e impegno quello che era un progetto ambizioso prende forma in pochi anni con una visione ben chiara: dare vita ad una catena alberghiera innovativa con villaggi, resort, hotel, dimore storiche.

L’obiettivo era ed è differenziarsi dai competitors attraverso un’offerta “trasversale” con quartier generale al Sud ma in grado di germogliare in tutta Italia, per creare qualcosa per se ma soprattutto per dare la possibilità a tanti giovani talentuosi di lavorare nel settore turistico con continuità e professionalità.  E’ proprio ad Ostuni che prende forma il sogno e la città bianca diventa la sede centrale e il luogo dove nascono e  prendono forma le idee e le strategie aziendali. L’amore per la Puglia e la volontà di restituire qualcosa a  questo territorio hanno portato nel 2018 alla nascita del progetto di albergo diffuso Dimora Sant’Anna a Carovigno, a pochi km da Ostuni, con l’obiettivo di ridare vita ad un vecchio edificio abbandonato e far vivere il centro storico tutto l’anno.

Durante la serata celebrativa i due imprenditori hanno ricordato i passi importanti fatti che gli hanno permesso di arrivare a questo primo traguardo e la volontà di guardare al futuro con sempre nuove sfide: “Abbiamo dedicato gli ultimi anni da una parte a migliorare i nostri prodotti e servizi investendo ingenti risorse, dall’altra al consolidamento del mercato italiano. Continueremo in questa direzione per rafforzarci ulteriormente nel Bel Paese ma abbiamo iniziato ad esplorare nuove opportunità anche all’estero”, dichiara Fabrizio Prete, Direttore Generale di Garibaldi Hotels.

Tra le sfide da affrontare c’è anche quella delle risorse umane: ” Tutto quello che è stato fatto in questi anni non sarebbe stato possibile senza tutta  la nostra grande squadra che è sempre scesa in “campo” con entusiasmo e impegno anche durante i periodi di incertezza degli ultimi anni. Il turismo rimane però un settore difficile dove lavorare e la pandemia ne ha messo in evidenza tutte le fragilità. La difficolta di reclutare il personale è un problema concreto per tutto il nostro settore. Noi stiamo lavorando sempre più non solo per attrarre i talenti, ma per fidelizzarli e trattenerli perché bisogna crescere tutti insieme”, conclude Egidio Ventimiglia, Amministratore Delegato di Garibaldi Hotels.