Flixbus, speciale selezione per i Carnevali d’Italia

405

In occasione del Carnevale, FlixBus propone una speciale selezione di 10 mete, più o meno classiche, spaziando dalla Sicilia alla Repubblica Ceca per accontentare tanto i passeggeri più attaccati alle radici e desiderosi di scoprire le tradizioni nazionali, quanto quelli più “esterofili” e impazienti di varcare il confine.

Viareggio: uno dei luoghi del Carnevale per antonomasia e sede di una delle più importanti kermesse d’Italia, con i suoi carri allegorici di cartapesta che sfilano sui Viali a Mare e la sua pioggia di coriandoli, Viareggio è anche la meta ideale per chi vuole approfittare delle temperature insolitamente calde e azzardare un primo bagno. Collegata, fra le altre, con Firenze e Genova.

Ivrea: il Carnevale a Ivrea è noto soprattutto per la tradizionale Battaglia delle Arance, che trae origine da una rivolta mossa dagli abitanti della città a un vecchio tiranno, e a cui partecipano solitamente 4.000 tiratori, come simbolo della lotta per la libertà. Raggiungibile, fra le altre, tra cui Aosta e Milano.

Putignano: risalente al Medioevo, la tradizione dei Putignanesi prevede lunghi festeggiamenti che iniziano già a metà gennaio e un mix unico di sacro e profano, disseminato di ricorrenze speciali come il Giovedì dei Cornuti e il rito della Campana dei Maccheroni. Raggiungibile, fra le altre, da Roma e Benevento.

Reggio Calabria: a Reggio, il Carnevale è associato ai dolci tipici locali e alla maschera di Giargungolo, nata per scherno nei confronti dei dominatori aragonesi e spagnoli, e si articola tra parate e giochi dedicati alle famiglie. Raggiungibile, fra le altre, da Napoli e Roma.

Termini Imerese: di origini ottocentesche, è uno dei più famosi carnevali siciliani, con le sue maschere emblema “U Nannu ca’ Nanna” (il nonno e la nonna) e gli spettacolari giochi pirotecnici. Raggiungibile, fra le altre, da Lamezia Terme e Cosenza.

Basilea: qui il Carnevale inizia quando tutti gli altri finiscono, il lunedì successivo al mercoledì delle Ceneri, per concludersi il giovedì con il “Gässle”, una sfilata notturna in cui le maschere si rincorrono tra i vicoli del centro storico suonando pifferi e tamburi fino all’alba. Raggiungibile, fra le altre, da Milano e Bologna.

Colonia: i festeggiamenti si aprono il Giovedì grasso, ovvero il giorno in cui le donne vanno in giro per la città tagliando le cravatte degli uomini in cambio di un bacio. Segue la parata degli uomini con le giubbe rosse, mentre nel Lunedì delle Rose si tiene la sfilata dei carri allegorici con lancio dei dolci annesso. Raggiungibile, fra le altre, da Milano e Bolzano.

Düsseldorf: è uno dei carnevali più satirici e provocatori di tutta la Germania. Inizia col Carnevale delle zitelle, in cui le donne prendono il posto del sindaco per qualche giorno, e prosegue con la corsa dei travestiti, in cui gli uomini si esibiscono in balli e spettacoli in abiti femminili. Raggiungibile, fra le altre, da Verona e Bologna.

Fiume: tra le particolarità del Carnevale del capoluogo istriano, si segnala la Balinjerada, una gara di carretti con cuscinetti a sfera in cui i partecipanti indossano delle maschere artigianali. Il Carnevale, peraltro, è un’ottima occasione per esplorare un’area sempre più popolare d’estate ma senz’altro adatta anche a una breve fuga invernale. Raggiungibile, fra le altre, da Trieste e Venezia.

Praga: spesso paragonato a quello veneziano per lo stile, il Carnevale praghese si apre con un elegante ballo in maschera, procede con sfilate e culmina con la celebrazione del Martedì Grasso in piazza Jiřího z Poděbrad, dove gustare i dolci tipici e i tradizionali sidro caldo e idromele. Raggiungibile, fra le altre, da Trento e Verona.