Dopo mesi di lockdown gli italiani sono tornati a sognare e il viaggio è al primo posto nella lista dei loro desideri. Un’estate diversa da quella del 2019, segnata da nuove regole e dal distanziamento sociale. Secondo i dati di ricerca di Expedia Group quest’estate sarà all’insegna del tricolore.

Dati confermati anche dall’ENIT che evidenzia come oltre l’83% degli italiani resterà in patria. Nonostante nei primi mesi del 2020 le richieste per viaggi nazionali e regionali siano drasticamente calate, Expedia Group mostra un costante aumento delle ricerche sul sito per alloggi a partire dalla seconda metà di aprile, con una crescita media del 15% di settimana in settimana.

In termini di mete altamente ricercate, gli italiani preferiranno le destinazioni nazionali. Il Lago di Como, il Lago di Garda e le vette alpine della Lombardia, del Trentino-Alto Adige, della Valle d’Aosta e dell’Alto Adige sono tra le destinazioni più ricercate sulla piattaforma di Expedia Group. La montagna, soprattutto in questo periodo, è tornata di moda e viene scelta dagli italiani per godersi momenti lontani dallo stress e a stretto contatto con la natura. Luoghi ideali per passeggiate all’aria aperta e in solitaria. Una recente indagine rivela come, proprio la montagna, sia la meta preferita per il 30% degli intervistati. Anche i laghi sono diventati meta d’eccezione per trascorrere una vacanza rilassante dedicata al benessere fisico e al divertimento.

A differenza di quanto accadeva nel 2019, nell’era COVID-19 gli italiani si sono mossi in due direzioni opposte: o ricercano alloggi “per lo stesso giorno” o prenotano molto in anticipo, cercando le vacanze con 60-90+ giorni di anticipo.

Nello specifico, quasi il 60% delle ricerche ha avuto luogo dai 60 ai 90+ giorni prima del soggiorno vero e proprio. Inoltre, c’è una percentuale significativa (35%) di “cercatori indecisi” che si sono recati sui siti di Expedia Group per cercare un alloggio senza una precisa “data di soggiorno” in mente, a dimostrazione della complessità delle decisioni che gli italiani si trovano ad affrontare – mentre gli italiani che dimostrano la volontà di viaggiare indifferentemente da prezzi, località e rischi hanno reso la pianificazione delle vacanze più fluida. Infine, circa il 5% delle ricerche sono state effettuate “per lo stesso giorno”, suggerendo la presenza di booker spontanei, pronti a cogliere sul nascere questo genere di opportunità.

“Quest’anno, il COVID-19 ha decisamente cambiato il modo in cui le persone cercano e prenotano i viaggi. A parte il prezzo, la posizione e la disponibilità di camere, l’impatto psicologico causato dalla pandemia ha giocato un ruolo chiave nel plasmare i comportamenti di ricerca “estremi” dei consumatori”, ha dichiarato Giovanni Moretto, Director Market Management, Italia, Expedia Group.

“Gli albergatori partners che cercano di intercettare la domanda interna durante il periodo estivo – continua Moretto – devono prendere in considerazione queste tendenze e allargare la loro offerta. Proporre soluzioni last minute, attivare promozioni a valore aggiunto per incentivare i visitatori indecisi e aumentare la disponibilità delle camere per un periodo di tempo più lungo (>90 giorni) può essere efficace per convertire i visitatori in clienti”.

I dati di ricerca di Expedia Group mostrano che oltre il 60% degli italiani preferisce utilizzare smartphone o tablet per cercare le vacanze estive dei loro sogni. In effetti, la popolarità delle ricerche e delle prenotazioni di viaggi tramite dispositivi mobili è emersa chiaramente fin dall’inizio del 2020, quando è iniziata la pandemia – circa una prenotazione su quattro effettuata dagli italiani nel primo trimestre del 2020. Inoltre, vale la pena ricordare che oltre il 60% delle prenotazioni nazionali effettuate tramite dispositivi mobili è avvenuto con una finestra di prenotazione media di 0-6 giorni.

“Il distanziamento sociale e le dure restrizioni durante la quarantena hanno accelerato il fenomeno degli acquisti da mobile tra gli italiani. È quindi di vitale importanza per gli albergatori locali ottimizzare e rafforzare il canale e la strategia mobile soprattutto durante il periodo estivo”, ha detto Giovanni Moretto. “Per gli albergatori indipendenti e i piccoli proprietari di alberghi che non hanno le risorse per costruire il proprio canale mobile, attingere alle competenze online e alla piattaforma mobile di Expedia Group può essere un modo efficace per soddisfare tale domanda”.

La pandemia ha cambiato radicalmente le abitudini di soggiorno degli italiani. La pulizia e il livello di igiene degli alloggi sono ora della massima importanza. Quasi il 55% dei consumatori sceglierà hotel e alloggi in base alle misure di igiene e sicurezza adottate.

“Come parte dell’ecosistema dei viaggi, Expedia Group, ora più che mai, è al fianco dei consumatori, degli albergatori, delle destinazioni e dell’industria dei viaggi per rilanciare l’industria del turismo. È incoraggiante vedere la volontà degli italiani di tornare a viaggiare e di sostenere l’economia locale in occasione della stagione estiva”, ha concluso Moretto. “Siamo qui per fornire consulenze, strumenti e tecnologie ai nostri albergatori locali, aiutandoli a riprendersi e ad accogliere un maggior numero di ospiti, proprio nel momento in cui l’industria sta accettando la nuova normalità”.