Archiviata la stagione estiva è tempo di bilanci anche per Evaneos, il marketplace francese che dal 2009 propone un turismo responsabile e sostenibile.

L’estate 2022 ci consegna dati lusinghieri che fanno bene sperare per la normalizzazione del comparto turistico dopo lo stop imposto dalla pandemia.

Spesa e profili dei viaggiatori

Cresce la spesa degli italiani, non solo e comprensibilmente rispetto al 2021, ma anche rispetto al periodo pre Covid. L’indice segna +28% rispetto al 2019 e +16% rispetto al 2021, con una spesa media per nucleo familiare di 5300 euro. Agosto rimane il mese più gettonato.

La durata media del viaggio è di 12 giorni, un giorno in più rispetto alle statistiche nello stesso periodo per il 2021. Il segmento che ha aumentato maggiormente la spesa è stato quello famigliare (sia con bambini piccoli che con adolescenti: aumento stimato del costo totale del viaggio +45% vs 2019 e +75% vs 2021). Numericamente le richieste (da parte di famiglie con bambini o adolescenti) sono raddoppiate rispetto al 2021 e andate a pari con i volumi registrati nel 2019.

Il profilo di viaggiatore che è maggiormente cresciuto durante l’estate 2022 è stato quello “honeymooners”: un risultato atteso dopo i due anni di stop a celebrazioni e matrimoni.

Tipologia viaggi e destinazioni

Il 2022 ha visto un mix equilibrato di destinazioni a corto a lungo raggio. Le rotte Evaneos che si sono affermate maggiormente sono Islanda, Tanzania, Peru, Giordania, Indonesia, USA e Turchia. L’ingresso dell’Indonesia nella sestina delle destinazioni più gettonate (+5% rispetto al 2019 per lo stato-arcipelago più grande al mondo!) segnala anche una ritrovata fiducia verso l’Asia, mercato fra i più colpiti dal Covid. Sul corto raggio domina invece l’Islanda che ha più che raddoppiato i volumi dello scorso anno.

Le esperienze di viaggio più richieste dai clienti Evaneos sono state invece le più classiche: mare e vacanze a contatto con la natura. Il safari scala la classifica raddoppiando il volume di richieste rispetto allo scorso anno a discapito dei tour gastronomici che invece perdono posizioni.

«L’estate 2022 ci conforta per i dati positivi che stiamo raccogliendo – commenta Viola Migliori, country manager Southern Europe Evaneos – e ci lascia con alcuni elementi inaspettati. L’apertura verso l’Asia è forse l’elemento più interessante perché riapre un mercato per noi strategico. La crescita della spesa media, così come la voglia di viaggiare delle famiglie, sono poi un segnale estremamente incoraggiante di un progressivo ritorno alla normalità. Per Evaneos, che propone un turismo responsabile e attento, offrire questo genera di esperienze anche ai bambini e ai ragazzi, ha una valenza culturale enorme: si tratta di trasmettere alle giovani generazioni un diverso stile di viaggio e un diverso approccio verso territori, comunità e culture».