Ecuador, Galapagos e Bolivia con Latitud Patagonia

144

Due paesi di piccole dimensioni rispetto ad altri del Sud America. Ma così ricchi di natura, storia, cultura, archeologia e folklore che riservano sorprese ed emozioni garantite. Lo sa bene Latitud Patagonia, operatore di Quality Group, che programma Ecuador e Bolivia da tempo e che per il 2019 propone sul mercato numerose conferme e novità. Le due destinazioni si trovano nel catalogo “Perù, Bolivia, Ecuador e Galapagos”, in distribuzione nelle agenzie di viaggi.

Invariata la programmazione sull’Ecuador: “Destinazione Ecuador”, di 8 giorni, propone tappe classiche ma ricche di fascino, come Quito, Otavalo con il mercato indigeno, il maestoso vulcano Cotopaxi e la splendida Cuenca, dove sono previsti due pernottamenti, per finire con Guayaquil, attraverso il Parco Nazionale di Cajas. Sempre con guida in italiano e con un suggestivo percorso a bordo del panoramico trenino delle Ande.

Molto particolare – e per questo fa parte della linea QExperience, ovvero viaggi nell’atmosfera più autentica – “Mosaico Ecuadoriano, Ande e Amazzonia”, di 8 giorni, che tocca Quito, Otavalo con il mercato indigeno e poi prevede tre pernottamenti nella foresta amazzonica, con camminate nella fitta vegetazione (ma anche sui suggestivi ponti sospesi) visita di comunità locali e visita alle terme di Papallacta per un bagno rilassante.

“Ecuador Autentico”, di 8 giorni, prevede un pernottamento nella comunità locale di Karanki Magdalena, nei pressi di Otavalo, per una esperienza a contatto con la popolazione locale, dormendo in una delle case. Il tour tocca naturalmente Quito, Baños, Ingapirca, Cuenca e Guayaquil e prevede anche un tragitto a bordo del trenino delle Ande lungo la spettacolare Nariz del Diablo.

Una buona offerta di minitour completa la programmazione. Per le Galapagos, Latitud Patagonia propone le formule Island Hopping per scoprire due o tre isole dell’arcipelago, anche in versione Luxury con una scelta alberghiera di livello superiore e con trasferimento da Santa Cruz a Isabela in volo. L’operatore suggerisce la formula “Santa Cruz Experience & relax”, 6 giorni/5 notti con sistemazione a Santa Cruz ed escursione alle isole vicine. Tra gli hotel proposti, new entry il Pikaia Lodge a Santa Cruz, uno Small Luxury Hotel forse la soluzione più esclusiva al giorno d’oggi alle Galapagos. In alternativa le crociere di spedizione per vedere le isole, che durano da minimo 3 a massimo 14 notti.

La Bolivia è senz’altro un Paese molto affascinante e ancora poco conosciuto. Latitud Patagonia propone dei viaggi di gruppo in esclusiva con guida in italiano che consentono di vedere tutto il bello del Paese.

Si parte da “Bolivia Express” di 10 giorni, il tour più economico che tocca Santa Cruz, le due belle città coloniali di Sucre e Potosì, il mercato dei campesinos di Tarabuco, il maestoso Salar de Uyuni e La Paz. Il “Discover Bolivia” si differenzia per spingersi anche nell’altopiano del Paese fino al confine con il Cile e termina a La Paz, con possibilità di estensione al Lago Titicaca. Per chi vuole provare un’esperienza davvero unica, Latitud Patagonia propone di dormire sotto le stelle nel Salar de Uyuni, in un confortevole camper, ammirando il tramonto e l’alba in un paesaggio che non ha uguali sulla Terra.

“Una novità è ‘Gran Tour della Bolivia’ di 13 giorni che oltre alle tappe “must be” del Paese prevede anche la zona di Tupiza, una piccola cittadina non ancora toccata dal turismo che offre nelle sue vicinanze dei territorio spettacolari con paesaggi impressionanti. Qui si fanno escursioni a bordo di 4×4 nel territorio andino e si vede anche Ciudad Roma, una delle formazioni rocciose più incredibili del nostro Pianeta”, commenta Francesco Vitali, Product Manager Latitud Patagonia.

Per finire l’operatore ripropone i grandi tour combinati con i paesi dell’America Latina, come “Gran Tour dell’Altopiano” di 13 giorni, in Argentina, Cile e Bolivia, “Gran tour delle Ande” di 14 giorni che prevede Cile, Bolivia e Perù per finire con “Mosaico Andino”, con la combinata Argentina e Perù, che prevede la visita della parte nord dell’Argentina con Salta da dove, grazie a un nuovo collegamento aereo di Lan, si arriva a Cusco, in Perù via Lima.