Fiavet Nazionale, rappresentata da Federico Lucarelli, è stata audita dalla Commissione X della Camera dei Deputati, in relazione al Disegno di Legge C. 1698 “Delega al Governo in Materia di Turismo”, promosso dal Ministro del Turismo Gian Marco Centinaio, per intervenire con Decreti Legislativi delegati su aspetti nodali della normativa di settore, che rappresentando una risorsa chiave del Paese necessita della giusta attenzione e di un efficace rilancio.

Nell’esprimere la più totale condivisione all’iniziativa governativa, Fiavet ha evidenziato ai Deputati l’importanza di due tematiche che rientrano nell’oggetto della delega.

Da una parte la necessità, non più rinviabile, di adottare una riforma organica e completa delle professioni turistiche, tra cui la figura del Direttore Tecnico di Agenzia di Viaggi, essendo rimasta inattuata la previsione dell’art. 20 del Codice del Turismo del 2011, che ha lasciato un quadro normativo regionale datato e frammentario, oltre a causare una stasi degli esami di abilitazione dei nuovi Direttori Tecnici. Si rende quindi fondamentale l’emanazione della normativa che fissi i requisiti professionali uniformi a livello nazionale, previa intesa con la Conferenza permanente Stato–Regioni e Provincie Autonome

Dall’altra l’improrogabile esigenza di mettere in atto concrete misure di contrasto a forme di abusivismo nel comparto dei viaggi organizzati, attraverso l’accoglimento dell’Emendamento che chiede di potenziare e implementare il portale Infotrav, data base pubblico già esistente e che raccoglie tutte le Agenzie di Viaggio regolarmente abilitate ad esercitare sul territorio nazionale. Attraverso l’implementazione dello stesso, anche con i dati delle Associazioni no-profit, che le Regioni hanno abilitato a organizzare viaggi per i propri Associati, si verrebbe a creare un unico riferimento per tutti i soggetti legalmente operanti, ai quali si potrebbe assegnare un Codice Identificativo Nazionale (CIN), così come prevede lo stesso Disegno di Legge per il comparto ricettivo. Ciò consentirebbe alle Istituzioni e alle Forze di Polizia che vigilano e reprimono gli abusi nel settore di verificare, tramite i dati obbligatoriamente pubblicati dai soggetti operanti sui siti e-commerce, o dall’esame dei voucher e della documentazione consegnata alla clientela, l’esistenza del CIN. Uno strumento di grande deterrenza e di facile e immediato utilizzo per verifiche e controlli nei confronti di soggetti abusivi, che sottraggono ogni anno 800 milioni di fatturato al mercato agenziale.