3,340 miliardi di euro: è la somma dei fondi messi a disposizione del turismo con il Decreto Sostegni bis approvato questa mattina. Fondi che vanno ad aggiungersi al miliardo e 700 milioni già previsto dal Decreto Sostegni. Sono previste risorse per la montagna, gli operatori, le città d’arte, gli stagionali, agevolazioni contributive, il credito d’imposta per canoni locazione e il credito d’imposta bis.
Ai lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali, dello spettacolo e dello sport sarà riconosciuta un’indennità una tantum di 1.600 euro.
Aiuti per 150 milioni arrivano a sostegno delle agenzie di viaggio e dei tour operator, guide turistiche e imprese del settore. Confermato anche l’ampliamento del bonus vacanze, che si potrà usare anche nelle agenzie di viaggio e con i tour operator oltre agli hotel, agli agriturismi e ai b&b.
Per il rilancio della attrattività turistica delle città d’arte, sarà istituito un fondo da 50 milioni di euro. Riguarda i territori dove si trovano siti riconosciuti dall’Unesco patrimonio mondiale dell’umanità.