Il Gruppo UNA porta i suoi ospiti alla scoperta delle perle naturali meno conosciute del Bel Paese, raggiungibili con una gita fuori porta da uno dei suoi alberghi lungo tutto lo Stivale. “Questi luoghi ricchi di fascino – spiega il Gruppo – sono stati inseriti nella “mappa della Bellezza” stilata dal Touring Club Italiano e meritano un posto nella bucket list di destinazioni da (ri)scoprire durante un long weekend sotto il segno dell’italianità”.

Toscana, oltre ai borghi c’è di più
Oltre ai borghi e ai capolavori dell’arte italiana, il litorale della Toscana custodisce un gioiello naturalistico da esplorare durante un fine settimane in Versilia. Il Parco dei Monti Livornesi, che si estende per 1.300 ettari tra i comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo, è un vero e proprio polmone verde nel cuore della regione. Le sue colline rappresentano un patrimonio naturalistico, storico ed ambientale di eccezionale valore, da scoprire grazie a suggestivi itinerari immersi nel verde della macchia mediterranea. La visita del parco può essere fatta con trekking a piedi, in mountain bike e a cavallo, durante i quali è possibile avvistare tracce delle civiltà del passato, come mulini, ghiacciaie, fornaci e le splendide strutture dell’Acquedotto settecentesco di Colognole.

La Puglia che non ti aspetti
Anche se è il secondo parco nazionale della Puglia, il Parco Nazionale dell’Alta Murgia, situato a meno di un’ora da Bari, è molto meno conosciuto del Gargano. Questo territorio straordinario custodisce l’ultimo esempio di steppa mediterranea in Italia e conserva un alone di fascino e unicità, grazie ai suoi spazi immensi che si alternano a sinuose colline. Qui l’ambiente spoglio e suggestivo, costituito prevalentemente da rocce calcaree, tufi e depositi di argille, accoglie una fauna tra le più variegate di tutta la Puglia. Fiore all’occhiello del parco è il misterioso Castel del Monte, un maniero ottagonale voluto da Federico II, a cui si uniscono importanti siti di interesse storico e archeologico. Per scoprire il parco sono disponibili tanti itinerari a piedi o su due ruote, adatti a tutti i livelli.

Un gioiello sotterraneo in Campania
Situate all’interno del massiccio dei Monti Alburni, con un’estensione di circa tremila metri, le Grotte di Pertosa-Auletta sono una delle perle naturali dell’area del Cilento, da esplorare con una breve gita da Napoli. Le grotte sono le uniche in Italia in cui è possibile navigare un fiume sotterraneo – il Negro – e le sole in Europa a conservare i resti di un villaggio palafitticolo risalente al II millennio a.C. Mentre ci si addentra verso il cuore della montagna, il fiume offre un inconsueto viaggio in barca tra stalattiti e stalagmiti con forme, colori e dimensioni diverse. La visita guidata promette una piccola avventura immersi in un silenzio magico, interrotto soltanto dal fragore degli scrosci della cascata sotterranea.

Sicilia, un’oasi di mare cristallino e fauna avicola
Architettura barocca, mare cristallino, ricca tradizione gastronomica, ma non solo: pochi sanno che in provincia di Catania si trova anche una straordinaria riserva naturale che si estende per circa 2.000 ettari. L’“Oasi del Simeto” rappresenta una delle aree più singolari dell’isola per la sua ricchissima fauna avicola, che trova qui un territorio ideale grazie all’unione del mare agli ambienti umidi: durante le escursioni guidate con guide esperte, è possibile avvistare piccoli mammiferi come donnole e volpi o volatili come germani e aironi. Dopo una sessione di birdwatching, si raggiunge a piedi la lunga spiaggia fluviale bianca Foce del Simeto, altro luogo di alto valore naturalistico racchiuso all’interno dell’oasi.

Trekking con vista sulle Isole Eolie
Tra una distesa di fichi d’india, alberi di ulivo e filari di viti, sulle pendici della Fossa delle Felci e il Monte Rivi si diffondono i profumi inebrianti delle ginestre, dei corbezzoli e dei capperi: l’isola di Salina offre scenari degni di un film, che diventano ancora più suggestivi percorrendo uno dei tanti percorsi escursionistici disponibili. Un indirizzo da appuntare per una domenica all’aria aperta è Valdichiesa sul Monte Fossa delle Felci, definito anche il tetto delle Eolie, un antico vulcano spento da secoli ricoperto da una folta macchia mediterranea. Con una passeggiata poco impegnativa di circa due ore dal santuario della Madonna del Terzito si raggiunge la vetta, dove il panorama sulle Eolie e sul cratere ripaga la fatica. Oltre alle escursioni, Salina è rinomata per il suo mare cristallino, che nel 2019 si è guadagnato il terzo posto nella Top 5 delle Piccole Isole della Sicilia secondo la guida Il mare più bello 2019 del Touring Club Italiano e Legambiente.