La Catalogna del turismo si appresta a riaprire le sue porte. L’Ente del turismo catalano sottoscrive in toto le misure igienico-sanitarie per la riapertura sicura del settore turistico, che fanno parte dei protocolli contro il Covid-19 varati in queste settimane dal Ministero dell’Industria, del Commercio e del Turismo, coordinati dall’Istituto per la Qualità Turistica Spagnola, convalidati dal Ministero della Salute.

“Siamo ansiosi di accogliere nuovamente i turisti, ma sappiamo che, per poterlo fare, ogni più piccolo dettaglio dovrà essere controllato per la sicurezza di tutti”, ha detto Marta Teixidor, direttrice dell’Ufficio del Turismo della Catalunya in Italia. “Vogliamo che i viaggiatori si sentano protetti, si godano l’esperienza in Catalogna senza paura ma, perché possano farlo, è necessario che ognuno, a tutti i livelli, rispetti quelle regole che così dettagliatamente sono state stilate”.

“Hotel, ristoranti, ostelli, campeggi, agriturismi, impianti termali, guide turistiche, uffici di informazione, musei e persino le agenzie di viaggio: nessun “attore” del settore turistico – spiega l’Ente – è stato tralasciato. Il mantenimento della distanza di sicurezza e le misure estreme di igiene e pulizia costituiscono la regola generale, che si declina nello specifico in ogni attività e per tutto il personale che vi lavora o vi opera anche per breve periodo. Anche i clienti dovranno fare la loro parte: solo approvando le regole e le linee guida della struttura a fronte del Covid-19, la prenotazione potrà infatti essere formalizzata”.