Bilancio positivo per Convention Bureau Italia, continua la crescita

308

Sono in positivo i numeri di Convention Bureau Italia, che ha confermato anche per il primo semestre del 2019 un network di soci in continua crescita.

L’Assemblea dei Soci di CBItalia ha visto l’ approvazione del bilancio del 2018,  la presentazione degli obiettivi raggiunti e la ratifica dei nuovi consiglieri di Amministrazione del CDA:  Maria Carmela Colaiacovo, Vice Presidente di Confindustria Alberghi  e Stefano Fiori, Rappresentante generale di Federturismo e Presidente della sezione Industria del Turismo del Tempo libero di Unindustria.

Convention Bureau Italia ha presentato i nuovi soci che sono entrati a far parte del network. Di particolare rilievo l’adesione di Visit Piemonte, che va ad aggiungersi alle altre Regioni italiane che hanno scelto di affidarsi al CB nazionale. Tra le nuove acquisizioni anche Hotel e Catene Alberghiere come Palazzo Naiadi D.A., Leonardo Hotels e due DMC quali Escapade e Loveit che portano la rappresentatività di CBItalia a oltre 2200 aziende su tutto il territorio nazionale.

Si tratta di un network che si arricchisce esponenzialmente: sono infatti dodici le nuove membership di prestigio che dal gennaio 2019 hanno scelto di unirsi al Bureau nazionale, accrescendo il numero a 123 unità.

Così Carlotta Ferrari, Presidente di Convention Bureau Italia: “Siamo estremamente soddisfatti dei risultati positivi raggiunti in questi primi sei mesi di lavoro: tanti nuovi soci, una partecipazione sempre più sentita, i sold-out dei nostri workshop internazionali, la conferma di location meravigliose per Italy at Hand. La presenza di Giorgio Palmucci, Presidente di ENIT, è stata ulteriore conferma di quanto anche la principale istituzione pubblica riconosca il valore e la rilevanza del segmento MICE sia come alto elemento attrattivo della Destinazione Italia sia come chiave dell’economia turistica del Paese. Il nostro auspicio è che possa essere riconvocato il Tavolo MICE in cui possano avere spazio anche le Destinazioni, in quanto player principali del settore”.