Un mercato in costante crescita, una clientela sempre più fidelizzata, servizi innovativi e l’apertura di nuove strutture: la stagione 2020 di Baia Holiday sta per iniziare ed è tutta nel segno della crescita.

Apre il prossimo 26 marzo il Camping Village Roma Capitol, inaugurando così il periodo delle vacanze open air che di anno in anno riscuotono sempre maggiore successo.

Forte dei numeri dello scorso anno, che ha registrato oltre 1,1 milioni di presenze, Baia Holiday ha attivato le prenotazioni per la stagione estiva già a partire da novembre.

“Dati alla mano – spiega la società – rispetto al 2019, il trend 2020 è in crescita sotto tutti i punti di vista: sono aumentate richieste, conferme, notti vendute e i clienti fidelizzati sono saliti del 28%. Costantemente con il segno + è il mercato italiano, che sempre di più apprezza le proposte Baia Holiday. Positivo anche l’andamento di quello olandese che in passato aveva segnato una leggera flessione”.

Ottimi i risultati provenienti, inoltre, dal mercato mitteleuropeo – Germania, Svizzera e Austria – che continuano a preferire le vacanze open air, scegliendo oltre alle mete più tradizionali, come Veneto, Lago di Garda e Friuli, anche le proposte Sardegna di Baia Holiday: l’isola, infatti, su questi mercati, sta riscontrando un interessante successo.

“I numeri riscontrati in questi primi mesi sono incoraggianti e ci permettono di guardare positivamente alla nuova stagione. La crescita continua è frutto degli investimenti che tutti gli anni mettiamo in campo per aumentare il livello qualitativo delle nostre proposte, inserendo sempre nuovi servizi o rinnovando quelli già esistenti, così da offrire ai nostri ospiti un’ottima proposta di vacanza”, commenta Valerio Vezzola, Amministratore Delegato Baia Holiday.

“Abbiamo ancora molto margine di sviluppo: proponiamo, infatti, un prodotto innovativo attento alla sostenibilità. L’obiettivo è continuare il nostro percorso di crescita facendo conoscere il settore open air sempre di più anche al mercato Italia per diventare un punto di riferimento del turismo”, conclude Vezzola.