Air Italy annuncia di essersi aggiudicata la medaglia di bronzo durante la cerimonia di premiazione del concorso “Business Traveller Cellars in the Sky”, tenutasi a Londra.

Ideati con l’obbiettivo di dare riconoscimento all’eccellenza dei vini serviti dalle compagnie aeree a bordo delle First e Business Class, i “Cellars in the Sky Awards” sono attivi da ben 33 anni.

Gavino Virdis, Catering Operations Manager di Air Italy e Sommelier dell’Associazione Italiana Sommelier, e Stefania Filigheddu, Air Italy Product & Service Design Manager, hanno ritirato, a nome della Compagnia, la medaglia di bronzo ricevuta per il vino “Olianas Perdixi 2016, Gergei, Sardegna, Italia “, servito a bordo dei voli Air Italy.

Rossen Dimitrov, Chief Operating Officer di Air Italy, ha dichiarato: “Siamo assolutamente lieti di vincere questo prestigioso premio a “Cellars in the Sky 2018”, il che dimostra ancora una volta il continuo lavoro di sviluppo del nostro prodotto di bordo. Ci assicuriamo sempre che i nostri passeggeri beneficino della migliore esperienza e degustazione di cibo e bevande a bordo di tutti i nostri voli Air Italy”.

“L’Italia – continua Dimitrov – è famosa in tutto il mondo come patria del vino e, proprio in qualità di compagnia aerea italiana, siamo doppiamente orgogliosi di questa medaglia di bronzo, che ci è stata conferita per il grande gusto italiano che offriamo ai nostri passeggeri. E, mentre continuiamo a perfezionare e migliorare i nostri prodotti e servizi, i nostri clienti possono essere certi del nostro impegno nel fornire loro i migliori vini italiani e non solo”.

Il premiato “Olianas Perdixi 2016, Gergei, Sardegna, Italia”, è un vino rosso tra i più importanti della cantina che lo produce. Si tratta di un blend di Bovale, Carignano e Cannonau, tutti vitigni autoctoni della Sardegna. Il suo colore intenso proviene da una lunga permanenza sulle fecce. Con sentori di frutti neri sotto spirito e confettura di more e con note speziate che ricordano la liquirizia, la fragranza risulta ricca e complessa al naso, mentre il gusto è rotondo, con tannini morbidi e ben equilibrato dalla vena acida che si avverte sul finale.