Il Gruppo Air France-KLM riafferma il proprio impegno nel rendere il settore dell’aviazione più sostenibile e compie un decisivo passo avanti firmando la prima serie di accordi di fornitura a lungo termine per coprire il fabbisogno di SAF delle proprie compagnie aeree per i prossimi anni.

Gli accordi coprono la fornitura di un volume totale di 1,6 milioni di tonnellate di carburante per l’aviazione sostenibile tra il 2023 e il 2036, che eviterà l’emissione di 4,7 milioni di tonnellate di CO2 nel ciclo di vita completo rispetto ai combustibili fossili.

I primi partner di Air France-KLM sono: Neste per una fornitura di 1 milione di tonnellate nel periodo 2023-2030 e DG Fuels per una fornitura di 600.000 tonnellate nel periodo 2027-2036.

Sono attualmente in corso discussioni per fare crescere le partnership ed aggiungere altri fornitori, con l’obiettivo di creare gradualmente una rete diversificata in grado di soddisfare le esigenze di fornitura a livello mondiale.

Pienamente impegnato a ridurre il proprio impatto ambientale, il Gruppo Air France-KLM mira a ridurre le proprie emissioni di CO2 per passeggero/km del 30% entro il 2030 rispetto al 2019 – un obiettivo che è stato sottoposto all’SBTi. La sua traiettoria di decarbonizzazione prevede l’incorporazione del 10% di SAF entro il 2030, oltre al rinnovo della flotta e all’eco-pilotaggio. Questi contratti rappresentano un primo passo del Gruppo verso il raggiungimento degli obiettivi di incorporazione del 10% di SAF entro il 2030 e copriranno circa 3 dei requisiti del 10% di SAF.

Impegnandosi ora nell’acquisto di carburante a lungo termine, Air France-KLM sostiene lo sviluppo dell’industria di produzione del SAF, che è ancora agli inizi a livello mondiale (nel 2021, la produzione di SAF rappresentava lo 0,01% del carburante per jet consumato in tutto il mondo), con conseguenti prezzi da 3 a 4 volte superiori rispetto al cherosene convenzionale. Aumentando l’uso e la domanda, Air France-KLM intende fare la sua parte per aumentare la scala della produzione commerciale di SAF per una più ampia adozione entro il 2030.

Questi importanti accordi di off-take stipulati da Air France-KLM sono fondamentali per gli impegni di decarbonizzazione del Gruppo. Gli sforzi saranno rafforzati da ulteriori impegni ambientali nei prossimi anni (nuovi contratti SAF, ricerca e sviluppo sui carburanti elettronici o sugli idrogeni, cattura e stoccaggio diretto del carbonio nell’aria (DACCS), ecc.) Tuttavia, l’obiettivo globale di zero emissioni nette entro il 2050 può essere raggiunto solo se tutte le parti pubbliche e private collaborano per il successo di questa transizione. Ciò potrebbe comportare meccanismi di incentivazione, come quelli già in atto negli Stati Uniti e in particolare nello Stato della California.

“La decarbonizzazione è la sfida più grande che l’industria dell’aviazione abbia mai affrontato. Air France-KLM sta attivando tutte le leve disponibili per ridurre il proprio impatto ambientale: rinnovo della flotta, eco-pilotaggio e maggiore utilizzo di carburanti per l’aviazione sostenibili certificati”, ha dichiarato Benjamin Smith, CEO di Air France-KLM. “I contratti che abbiamo firmato incarnano il nostro impegno a lungo termine per lo sviluppo delle capacità di produzione di SAF in tutto il mondo, a beneficio dell’intero settore. Non vediamo l’ora di lavorare con Neste e DG Fuels, con cui abbiamo stabilito solide partnership che apriranno la strada alla creazione di una rete globale di fornitori in grado di soddisfare le nostre esigenze future.”

Il carburante sostenibile per l’aviazione, una leva essenziale per ridurre l’impatto ambientale dell’industria aerea

I carburanti sostenibili per l’aviazione sono uno dei modi più promettenti per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria aeronautica, accanto alla riduzione dell’uso del carburante. Il SAF è in grado di ridurre le emissioni di CO2 in media dell’80% rispetto al carburante convenzionale in base al ciclo di vita e non richiede alcuna modifica al motore. L’attuale generazione di SAF può essere ricavata da olio da cucina usato, rifiuti e residui agricoli e forestali. In futuro saranno disponibili anche carburanti sintetici sostenibili per l’aviazione, ricavati dall’idrogeno e dal carbonio catturato.

Air France-KLM ha stabilito una rigorosa politica di approvvigionamento in base alla quale si impegna ad acquistare solo SAF che non competono con l’alimentazione umana o animale, che sono certificati RSB o ISCC+ per la loro sostenibilità e che non derivano dall’olio di palma.

Air France-KLM sta inoltre incorporando fino all’1% di SAF su base annuale per i suoi voli dalla Francia e dai Paesi Bassi, al fine di rispettare la legislazione francese in vigore dal gennaio 2022.

Air France-KLM, leader nell’uso di carburante per l’aviazione sostenibile
Il Gruppo Air France-KLM investe da oltre 15 anni nella sperimentazione e nell’utilizzo di carburante per l’aviazione sostenibile. Nel 2011 KLM ha effettuato il primo volo commerciale al mondo parzialmente alimentato con SAF, mentre nel 2014 Air France ha lanciato la “Lab Line for the Future”, un esperimento di due anni durante il quale 78 voli tra Parigi-Orly e Tolosa e tra Parigi-Orly e Nizza sono stati parzialmente alimentati con carburante per l’aviazione sostenibile.

Air France-KLM sostiene inoltre lo sviluppo di una catena di produzione in Francia e nei Paesi Bassi. Nel 2020, Air France ha collaborato con Airbus, Safran, Suez e Total per promuovere la crescita della catena di produzione SAF in Francia. L’anno successivo, Air France ha effettuato il primo volo a lungo raggio alimentato con SAF prodotto interamente in Francia, mentre KLM ha effettuato il primo volo commerciale al mondo con carburante sintetico prodotto nei Paesi Bassi.

Nel giugno di quest’anno, tutte le compagnie aeree del Gruppo hanno effettuato diversi voli alimentati a SAF nell’ambito dei “Connecting Europe Days” organizzati dalla Commissione Europea.